« Torna indietro

Buon compleanno piccolo Lorys. Oggi avrebbe compiuto 15 anni

Oggi Lorys Andrea Stival avrebbe compiuto 15 anni, sarebbe un piccolo ometto. Invece rimarrà un bambino per sempre, un bambino che tutta Italia sente un pò come il proprio figlio, strappato improvvisamente alla vita.

Dal piccolo centro di Santa Croce Camerina, la sua storia è arrivata alla ribalta nazionale e ha tenuto incollati alla televisione gli italiani per mesi, per anni. Anche in maniera morbosa.

Ma oggi per Lorys non ci saranno nè feste, ne torta, nè abbracci. Ed è così da 7 compleanni, da quel terribile 29 novembre 2014 in cui sua madre Veronica Panarello lo ha ucciso, strangolandolo, perchè quel giorno aveva fatto un capriccio di troppo o aveva visto qualcosa che non avrebbe dovuto vedere.

La storia del piccolo Lorys è ormai conosciuta da tutti. Ha perfino una pagina su Wikipedia. A Santa Croce Camerina nessuno ha dimenticato l’angoscia provata all’inizio, quando si credeva ci potesse essere nei paraggi un pedofilo. Angoscia che si è poi trasformata in terrore, perchè convinti che in giro ci fosse un assassino, che uccideva i bambini e li buttavanei canaloni abbandonati. Angoscia e paura che hanno lasciato il posto all’orrore, una volta scoperta la verità. Orrore per quello che una madre pare abbia fatto al figlio, orrore per i dettagli che sono venuti fuori, orrore per la tranquillità con cui la Panarello è andata ad un corso di cucina e poi all’uscita di scuola ad aspettare un figlio che era già morto da ore.

Sono passati tanti anni, Veronica Panarello continua a proclamarsi innocente, ma è stata ritenuta colpevole dell’omicidio, nonostante le tante accuse e versioni da lei date, e condannata a trent’anni di carcere.

“Senza di te non è più bello come prima e non potrà più esserlo – scriveva qualche anno fa il padre Davide Stival – Quei puzzle che facevamo io e te, ora non vanno più a posto, non si completano come prima. A volte la vita è ingiusta, però proviamo ad essere forti e cerchiamo di reggere sempre, Io e il tuo fratellino. E ci riusciamo perché sentiamo il tuo abbraccio e la forza che ci trasmetti. Sentiamo la tua mano, e reggiamo sempre la presa. Portiamo tutto dentro i nostri cuori: ricordi, gioie, risate e quell’amore. Vorrei avere il coraggio di svegliarti ma so che non è possibile, perché oggi sei tu a insegnare al mondo il valore della vita, proteggendo tutti i bambini dalle ingiustizie. Io lo so che è così, e nessuno potrà infangare mai il tuo ricordo. Con lo sguardo verso l’alto e il cuore pieno d’amore voglio immaginarti felice, oggi un po’ di più, anche se non posso accarezzare il tuo viso come ogni genitore e questo mi fa stare male. Tra una lacrima e un sorriso buon compleanno, Lorys.

x