« Torna indietro

Tragedia nel Salento. Il caldo uccide 35enne che accusa malore mentre distribuiva volantini

Il caldo killer di questi ultimi giorni e un lavoro umiliante e stancante (di solito sottopagato). L’ultima tragedia nel Salento è condita da questi due ingredienti e vede la morte di un 35enne che, per portare poche decine di euro a casa e poter sopravvivere, era costretto a distribuire volantini pubblicitari nelle varie zone del Salento sotto il sole cocente, soprattutto quello torrido di questi ultimi giorni. A differenza di quanto successo a Nardò, con l’ordinanza anticaldo con cui il sindaco vieta il lavoro nei campi dalle 12 alle 16.30 nelle giornate più calde, questo ragazzo, Antonio Valente, 35enne di Miggiano, era costretto a camminare per ore ed ore sotto il sole e con la borsa e le braccia piene di volantini.

Tragedia nel Salento, il malore e la morte in ospedale

Valente si è sentito male mentre distribuiva volantini pubblicitari a Galatina, si è accasciato a terra dopo aver accusato un malore ed è stato trasportato in gravi condizioni all’ospedale di Casarano. Qui si è consumata la tragedia nel Salento ed il 35enne è morto poche ore dopo il suo ricovero. Il giovane, come detto, aveva chiesto aiuto dopo essersi sentito male, ma nonostante il trasporto d’urgenza in ospedale, per lui non c’è stato nulla da fare. L’episodio è avvenuto nella giornata di mercoledì ed è stato un colpo durissimo per la comunità di Miggiano, paese in cui era conosciuto da tutti e che lo ricorda come un ragazzo d’oro, disponibile con tutti, forte, generoso ed un gran lavoratore. Ed è proprio questa sua ultima tendenza ad averlo ucciso, costretto a svolgere un lavoro spesso sottopagato e a ritmi disumani.

x