« Torna indietro

Campagna irrigua e stipendi a rischio, Mandrà (Flai Cgil): “Il Consorzio si occupa di altre faccende”

Il segretario generale della Flai Cgil, Pino Mandrà, fa un quadro della situazione e preannuncia un incontro che si terrà martedì

La protesta portata avanti dalle sigle sindacali Flai Cgil, Fai Cisl e Filbi Uil di Catania attraverso l’occupazione del Consorzio di Bonifica di via Centuripe nel capoluogo etneo lo scorso mercoledì si arricchirà presto di un altro capitoli.

Al centro della polemica, come abbiamo già visto, lo stato negativo della campagna irrigua, che, secondo i vertici delle sigle sindacali, è causato dalla disorganizzazione dell’ente. Ma le conseguenze di quest’ultimo aspetto sono anche altre e riguardano i dipendenti in prima persona, costretti a subire il silenzio da parte di chi l’ente lo gestisce.

Il segretario generale della Flai Cgil di Catania, Pino Mandrà, ha sottolineato come l’occupazione di mercoledì delle sede del Consorzio sia stata fatta per avere delle risposte in merito a questi temi e come martedì sia previsto un incontro sempre in sede.

“Si è trattato – spiega Mandrà – di un’autoconvocazione, ma il commissario Francesco Nicodemo non si è fatto trovare. La campagna irrigua sta andando male e gli stipendi sono a rischio. Il Consorzio non vuole mettere mano al turnover per i lavoratori stagionali e sugli avanzamenti di carriera per i livelli inferiori. Tutto questo fa arrabbiare se pensiamo alla disponibilità dei fondi del Piano Nazionale di Riprese e Resilienza. Il Consorzio invece, anziché preoccuparsi della rete irrigua ormai obsoleta, si occupa di altre faccende. Martedì avremo un incontro con l’amministrazione per parlare di tutto questo”.

x