« Torna indietro

Sei anni per Carmelo Chessari | Day Italia News Ragusa

Cartabia: “in 5 anni dobbiamo abbattere del 25% i tempi dei procedimenti penali”

Per il settore giudiziario “si apre un tempo di cambiamento” con l’obiettivo comune di “costruire il nostro ponte di Genova della giustizia”. Il paragone è del ministro della Giustizia, Marta Cartabia, intervenuta questa mattina il suo intervento al convegno dedicato all’”Ufficio del processo” in corso al palazzo di giustizia di Milano.

“Siamo tutti chiamati a collaborare per dare un nuovo volto alla giustizia del nostro Paese”, ha detto Cartabia in un passaggio del suo discorso. “C’è una grande impresa da portare avanti e in queste occasioni il Paese sa dare il meglio di sé, sa mettere a frutto le sue grandi risorse. Non dimentichiamo il ponte di Genova ricostruito in due anni con un cantiere che ha lavorato giorno e notte anche in piena pandemia. Ecco, noi siamo chiamati a costruire il nostro ponte di Genova della giustizia. Gli obiettivi – ha puntualizzato ancora il Guardasigilli – sono davvero impegnativi: in 5 anni dobbiamo abbattere del 25% i tempi dei procedimenti penali rispetto al 2019 e dobbiamo abbattere del 40% i tempi di definizione del processo civile”.

“In quattro mesi e mezzo abbiamo portato in dirittura di arrivo alcune riforme importanti da concludersi almeno nella parte governativa entro il mese di luglio”, ha poi sottolineato Cartabia. “Le riforme del processo civile a volte ingiustamente sottovalutate – ha spiegato il Guardasigilli – sono già state licenziate dal Governo e sono ora incardinate al Senato. Gli emendamenti al disegno di legge delega sul processo penale a breve saranno all’attenzione del consiglio dei ministri, dopo intense settimane di sintesi politica. Si tratta di una riforma molto profonda, che va a incidere su punti nevralgici della procedura penale”. (fonte: Askanews)

x