« Torna indietro

Sezze, madonnina ritrovata a Ferro di Cavallo, il mistero si infittisce. Parla il parroco di San Carlo

Continua ad incuriosire il mistero della statuina della Madonna ritrovata in piazza Ferro di Cavallo, a Sezze, appoggiata nella parte superiore della fontana, ormai una decina di giorni fa.

Come si ricorderà, l’icona sacra è stata presa in consegna dai carabinieri che hanno subito avviato le indagini per risalire al proprietario.

La visita, nell’immediatezza, alla parrocchia di Santa Lucia non è stata fruttuosa, visto che il parroco, Don Raffaele, non l’ha riconosciuta come di proprietà della chiesa.

“A quel punto – ci racconta Don Gianmarco Falcone, della parrocchia di San Carlo a Sezze Scalo – i militari sono venuti da me, dicendo che probabilmente apparteneva alla cappella di Casal Bruciato, che fa parte della mia parrocchia. In quei frangenti non ho potuto sincerarmi della cosa, perché quel giorno avevamo un convegno e stavamo aspettando il Prefetto.

Il giorno dopo mi sono recato sul posto ma non mancava nulla e non c’erano segni di effrazione”.

In pratica, quindi, la statuina è stata presa in custodia da Don Gianmarco. “Si. Aspettiamo che qualcuno si faccia avanti per reclamarla, ma ancora non è successo. Quello che posso dire è che, a giudicare dai segni che reca, si vede che la statua era esposta alle intemperie. Quindi, secondo me, si trovava in una edicola votiva all’aperto. Certo che se entro qualche settimana nessuno verrà a reclamarla, le troveremo comunque una sistemazione degna. Per esempio all’interno dei locali della Caritas”.

A questo punto un suggerimento per almeno uno degli autori del gesto, sarebbe di andare a confessarsi a Sezze Scalo, rivelando dove ha preso la statua, così Don Gianmarco potrebbe restituirla ai proprietari e sarebbe vincolato al segreto del confessionale…

Scherzi a parte, il mistero di infittisce. In attesa della prossima puntata.

x