« Torna indietro

Caorle, il 19 luglio alza il sipario la 7. edizione del festival dedicato a Ernest Hemingway

Climate change al centro dei dibattiti. L’ex ricercatore dell’OMS Francesco Zambon racconta il Covid 19. A Caorle anche Tiziana Ferrario e Cecilia Primerano. Bellon, Cecchi e Luna finaliste del Premio Papa 2021


16.7.2021 – La pandemia di Covid-19, il 20° anniversario della strage delle Torri Gemelle, il disastro di Cernobyl, il 10° anniversario delle Primavere arabe e della guerra in Siria, i cambiamenti climatici e ancora il 60° anniversario della scomparsa di Ernest Hemingway sono alcuni degli argomenti dell’edizione 2021 del festival dedicato a Ernest Hemingway denominato “Hemingway, il Nobel nella laguna di Caorle” che si svolgerà in
presenza e con collegamenti online, nel rispetto delle disposizioni in materia di prevenzione del contagio da Covid-19, nonché di quelle inerenti il rischio di diffusione, dal 19 al 25 luglio aCaorle.

Il festival internazionale ospiterà il “Premio Giornalistico Papa Ernest Hemingway” che, anche quest’anno, gode del patrocinio della Federazione Nazionale Stampa Italiana, dell’Ordine dei giornalisti del Veneto e della Regione Veneto, nonché della media partnership dell’ANSA e de Il Gazzettino. Si tratta di un “viaggio” alla scoperta del giornalista e scrittore statunitense ospite per lunghi anni nella laguna di Caorle in cui, oltre
a festeggiare i 122 anni della nascita di Hemingway (21 luglio 1899), si parlerà anche delle crisi umanitarie, della Green economy e, naturalmente, della libertà d’informazione.

L’evento, organizzato dalla Vitale Onlus in partnership con la Città di Caorle, vedrà la consegna del Premio Papa al vincitore del concorso giornalistico riservato ai giornalisti under 30, ai frequentatori dei master e delle scuole di giornalismo, nonché agli studenti delle
università italiane che desiderano intraprendere la professione giornalistica o diventare scrittori.

I finalisti del Premio Papa 2021 sono Emma Bellon, dell’università Luiss GuidoCarli di Roma, Micol Cecchi, dell’università degli studi di Urbino Carlo Bo e Nouraniyeh Luna, dell’università degli studi di Trieste. Bellon, Cecchi e Luna saranno presenti a Caorle venerdì 23 luglio per la prova finale al fine di aggiudicarsi il Premio Papa 2021, nonché il premio in denaro di mille euro della Vitale Onlus e la prestigiosa penna stilografica della Montegrappa dedicata a Hemingway.

La cerimonia di premiazione, condotta dalla giornalista di Tele Belluno Luisa Venturin alla presenza di Alessandra Zusso, assessore alla
Cultura di Caorle, sarà sabato 24 luglio, alle 21, in piazza Vescovado a Caorle, nel “cuore” dello storico borgo di pescatori che tanto aveva incantato Ernest Hemingway, e che lo aveva ispirato per dare alla stampa il romanzo “Di là dal fiume e tra gli alberi”.

All’edizione 2021 del festival dedicato a Hemingway è annunciata la partecipazione, tra gli altri, di Tiziana Ferrario, storica corrispondente Rai dagli Stati Uniti, Stefano Polli, vicedirettore dell’ANSA, la giornalista de L’Espresso Floriana Bulfon, Richard Colebourn, responsabile della BBC News – Europa, Susan Dabbous, giornalista di Euronews che giungerà a Caorle da Bruxelles e Cecilia Primerano, giornalista del Tg1 Rai che quest’anno si è aggiudicata il Premio Città di Caorle 2021 che riceverà, sabato 24 luglio, dall’avvocato Luciano Striuli, sindaco del Comune di Caorle. In collegamento dal Canada ci sarà, invece, John Hemingway, nipote dello scrittore americano e autore del libro “Una strana tribù. Memorie di famiglia” che dialogherà con Roberto Vitale, presidente del Premio Giornalistico Papa Ernest Hemingway e l’artista Enrico Ceccotto.

Sul palco del Premio Papa anche Francesco Zambon, ex ricercatore dell’Organizzazione Mondiale Sanità e coordinatore della risposta Covid per l’OMS fino alle sue dimissioni nel marzo 2021, il quale presenterà il suo libro “Il pesce piccolo. Una storia di virus e segreti”. A Caorle anche Elisabetta Bergamini, docente dell’università degli studi di Udine, Elena
Clemente, consigliere d’Ambasciata del ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Mounir Ghribi, direttore della Cooperazione internazionale e ricerca di OGS, mentre in collegamento online dagli Stati Uniti ci sarà l’ammiraglio Dario Giacomin, vice segretario generale della Difesa.

Presente al Premio Papa anche Anna Raviglione, la quale presenterà il libro “Pino Scaccia, un inviato con l’anima” dialogando con Marco Clementi inviato del Tg1 Rai. Al festival anche Paola Del Negro, direttore generale dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, Massimo Gaudina, capo Rappresentanza Commissione europea a Milano,
Giorgia Girotto, biologa dell’IRCCS materno infantile Burlo Garofolo e Cristina Serra, giornalista scientifica dell’Accademia mondiale delle scienze per il progresso scientifico dei Paesi in via di sviluppo.

A parlare di Green economy, finanza e spazio urbano saranno Marco Frittella, giornalista e conduttore Tg1 Rai, Ilaria Garofolo, docente dell’università degli sudi di Trieste, Damir Murkovic, presidente delle Camere di commercio dell’Europa centro-orientale, Max Paoli,
oordinatore dei programmi UNESCO-TWAS e Giuseppe Razza, presidente Sustainable Financing che saranno moderati da Sara Ghironi, giornalista del ValdarnoPost. Sul palco del Premio Papa anche la presentazione del libro “Dannati per sempre” scritto Nicola Calathopoulos, vicedirettore News Mediaset che dialogherà con Luana de Francisco, giornalista del Messaggero Veneto, e ancora lo storico Filippo Boni che presenterà,
moderato dal direttore de Il Gazzettino Roberto Papetti, il suo ultimo libro “Muoio per te”.

In collegamento da Londra ci saranno Mauro Giacca, scienziato del King’s College London e Marco Varvello, corrispondente Rai che accenderanno i riflettori sullo stato della ricerca, nel Regno Unito, per sconfiggere il Covid 19, mentre in collegamento dall’Afghanistan ci sarà l’ambasciatore Stefano Pontecorvo, rappresentante della Nato. Presenti anche Marco Di Liddo, analista del Centro Studi Internazionali, Nader Akkad, imam della
Grande Moschea di Roma, Valentina Bach, segretario generale UWC of Adriatic, Asmae Dachan, ambasciatrice di Pace siriana, Ariel Haddad, rabbino capo della comunità ebraica di Lubiana e Stefano Pilotto, docente di relazioni internazionali al MIB School of Management.

Di scienza, arte e dei misteri del Belpaese parleranno Emanuele Buratti, group leader Laboratory Molecular Phatology ICGEB, Angelo Cimarosti, giornalista co-fondatore di You Reporter e attuale direttore di ArchaeoReporter, Ana Julia Dantas, ricercatrice al Geneva Centre for Security Policy e Marcello Vitale, presidente Aggiunto Onorario della Corte di Cassazione che presenterà il suo ultimo libro “Nessuno mi può giudicare”. Alla Papa Journalism School, la scuola di formazione giornalistica gratuita inserita nel festival dedicato a Mr Papa Hemingway, ci saranno Jeena Cucciniello, vincitrice Premio Papa 2017, Luca Perino, presidente Leali delle Notizie, Mauro Mungo, sistemista di rete, il giurista Andrea Benvenuti, Guglielmo Cevolin, docente dell’università degli studi di
Udine, Mattia Giusto Zanon, giornalista de Il Foglio e Pasquale Ancona, giornalista ilFattoQuotidiano.it. In cattedra alla Papa Journalism School anche Giuseppe Sacco, presidente dell’ordine degli avvocati di Venezia.

Al Premio Papa si parlerà, altresì, del 20° anniversario dell’attacco alle Torri Gemelle con Nicolò Miotto, analista geopolitica di NextGen 5.0 ed Elisa Querini, senior student dell’università Ca’ Foscari di Venezia, dell’eterno braccio di ferro tra Usa e Russia all’ombra della Cina con Federico Vozza, analista del ViGeS e delle crisi umanitarie con Armine H. Arzumanyan, già assistente al Segretariato del Consiglio di sicurezza dell’Armenia.
Annunciati, al Premio Papa 2021, anche la marchesa Daniela del Secco d’Aragona, volto noto della televisione ma anche del giornalismo che dialogherà con Rita Calderini, esperta della comunicazione del cibo, il maestro pasticcere Massimo Ferigutti, vincitore del programma televisivo Cake Star. Tra i giornalisti presenti anche Sara Zanferrari de Il
Gazzettino e Marianna Maiorino dell’emittente televisiva Il 13.

Al festival dedicato a Mr. Papa Ernest Hemingway ci sarà anche la consegna della Spiga di Grano della Vitale Onlus che quest’anno è stata assegnata a Francesco La Bella, editore di Genius People Magazine. Infine, non mancheranno l’escursione in laguna a bordo della motonave Arcobaleno e la visita al Museo nazionale di Archeologia del Mare di Caorle, e anche quest’anno, all’Harry Johnson Speakeasy di Caorle si potrà assaporare il Papa Doble, il daiquiri alla maniera di Hemingway senza zucchero e con doppio rum.

x