« Torna indietro

Riqualificazione dell’area ex Morandi: nuova isola ecologica?

Nuova isola ecologica. Il Consiglio comunale ha approvato una mozione della commissione ambiente, vivibilità urbana e mobilità per la riqualificazione dell’area ex Morandi nel viale Nenni, all’altezza della rotonda di San Lorenzo a Greve dove la strada subisce un restringimento di carreggiata, con interruzione del marciapiede pedonale, sul lato dx in direzione Scandicci.

La mozione era stata presentata dal gruppo Pd, primo firmatario Massimiliano Piccioli, ed era stata fatta propria dalla commissione presieduta da Leonardo Calistri.

“Un atto che va nella giusta direzione per rendere più sicuro e fruibile un tratto di strada strategico e che attendiamo con da anni. Si tratta di un’area, conosciuta come area ex Morandi, a suo tempo stralciata dal progetto della Linea 1 della Tramvia perché richiedeva un intervento di bonifica, che interferiva con la carreggiata stradale. Nel corso degli anni – ha spiegato il consigliere Pd Massimiliano Piccioli – l’intervento non è stato fatto e che più volte anche dal Consiglio Comunale e dal Quartiere 4 sono stati fatti atti di indirizzo e di controllo su questa questione per assicurare al viale Nenni un assetto stradale adeguato e in sicurezza, anche per i pedoni che non hanno nemmeno il marciapiedi. È stato ipotizzato dall’Amministrazione un intervento di bonifica all’interno di un progetto più ampio, cioè con destinazione dell’area in questione a stazione ecologica Alia spa. Questa soluzione – ha aggiunto Piccioli – potrebbe permettere di risanare l’area e fornire un servizio utile e necessario ai cittadini della zona sud-ovest della città. La mozione invita il sindaco a verificare con Alia spa la possibilità di realizzare sull’area una delle stazioni ecologiche previste nel contratto di concessione del servizio integrato di gestione rifiuti a uso della zona; a tenere informato il consiglio comunale sugli sviluppi dei rapporti con Alia spa anche rispetto all’individuazione in tutti quartieri della città di isole ecologiche a disposizione dei cittadini; ad ipotizzare, una volta definite le procedure urbanistiche, i tempi per il risanamento dell’area e la messa in sicurezza di viale Nenni. Se non si concretizzasse l’interessamento di Alia spa, si chiede che vengano messe delle risorse in bilancio per la bonifica ed eliminare la strettoia di viale Nenni”.

“C’è stata una discussione importante in Commissione – ha continuato il presidente Leonardo Calistri – per una situazione che era stata affrontata prima della pandemia. C’è necessità di risolvere la questione in fondo a viale Nenni, una questione affrontata anche all’interno del Quartiere 4. occorre dare una svolta per rendere più fruibile quella strada che collega Firenze a Scandicci e renderla più sicura. Con questo atto desideriamo migliorare la situazione e far ripartire Firenze”.

x