« Torna indietro

Caltagirone, domenica 25 la “Scala illuminata”, in diretta streaming

Niente pubblico in presenza ed esercizi commerciali della zona chiusi dalle 18 alle 24, poi si riapre. Saranno gli “angeli” dell’hub vaccinale ad accenderla. Disegno realizzato da Francesco Ritrovato, di appena 12 anni

Niente pubblico in presenza ed esercizi commerciali della zona chiusi dalle 18 alle 24, poi si riapre. Saranno gli “angeli” dell’hub vaccinale ad accenderla. Disegno realizzato da Francesco Ritrovato, di appena 12 anni

La Scala illuminata, lo spettacolo unico al mondo che caratterizza Caltagirone, anche quest’anno, nonostante le restrizioni anti-Covid che impediranno l’accesso al pubblico, sarà proposta la sera di domenica 25 luglio per non interrompere una consolidata e sentita tradizione. Sarà, quindi, un evento da seguire attraverso numerosi media e che già da alcuni giorni sta catalizzando su Caltagirone una crescente attenzione grazie all’opera di promozione e divulgazione in atto. L’appuntamento con la diretta streaming sulla pagina Fb Città di Caltagirone e su Tv, testate online e social collegati è fissato per le 21, secondo un “format” che comprende pure interviste, filmati, momenti musicali e altro ancora.

L’allestimento (circa 3500 coppi bianchi, rossi e verdi) sarà curato anche quest’anno dal maestro Vincenzo Ripullo e dalla sua “squadra”. I protagonisti dell’accensione dei coppi saranno gli operatori dell’hub vaccinale che, con il loro impegno, incarnano lo sforzo della città e del suo territorio per tirarsi fuori dall’emergenza – Coronavirus. Altra bella novità è rappresentata dalla giovanissima età dell’autore del disegno (aperto dallo stemma civico e caratterizzato dalla presenza, al centro, della figura di San Giacomo e, nella parte inferiore, delle chiavi incorniciate della città) scelto dalla commissione: un ragazzino di appena 12 anni, Francesco Ritrovato, “che rappresenta – ribadisce l’assessore alle Politiche culturali Antonino Navanzino – un forte motivo di speranza perché indicativo dell’inventiva dei più giovani, fra le principali vittime della pandemia per i sacrifici e le rinunce cui sono stati costretti, e una garanzia di continuità per questo straordinario evento”.

“Abbiamo scelto di non interrompere la tradizione secolare della Scala illuminata –  sottolinea il sindaco Gino Ioppolo -, pur dovendo renderla compatibile con le inevitabili limitazioni dettate dalla tutela della salute pubblica. Così come, l’anno scorso, ad accenderla furono gli <angeli> in prima fila nella battaglia al Covid, quest’anno a svolgere questo importante compito saranno quanti sono impegnati all’interno dell’hub vaccinale del PalaCaltagirone <Don Pino Puglisi”, ai quali vogliamo così esprimere la nostra gratitudine”.

“Pur non essendo possibile, come altrove in Sicilia, nessuna processione – rileva il presidente della Commissione Eventi, Massimo Porta – abbiamo inteso salvaguardare un evento di assoluto valore come la Scala illuminata, peraltro ineludibile nella ricorrenza dell’Anno Santo Jacopeo”. Data la necessità di evitare la presenza di pubblico per ragioni di sicurezza connesse al Covid, un’ordinanza sindacale ha disposto, nell’area che circoscrive la Scala di Santa Maria del Monte e nelle vie e piazze adiacenti, il divieto di transito, di sosta e di accesso da parte dei pedoni dalle 19 alle 22,30 e il divieto di transito dei veicoli dalle 19 alle 24. Impossibile, dalle 19 alle 24, l’accesso del pubblico sulla Scala, ad eccezione del personale addetto ai lavori e/o autorizzato. Resteranno chiusi, dalle 18 alle 24, gli esercizi e le attività aperte al pubblico che si trovano nella zona, con la possibilità di riaprire dopo le 24 e di rimanere aperti sino alle 3 del 26 luglio..

x