« Torna indietro

Il Salento continua a bruciare. Incendio nel boschetto di San Cesario alle spalle del Vito Fazzi

Dopo l’episodio ai Laghi Alimini che ha tenuto tutti con il fiato sospeso per tanti giorni, il Salento continua a bruciare e lo fa direttamente nel capoluogo. Il caldo è tornato ad essere torrido e a toccare i 40 gradi e non si sono fatti attendere gli incendi che stanno martoriando il territorio salentino in questa rovente estate. Il rogo nella giornata di oggi, intorno alle 13.30, ha riguardato il boschetto di San Cesario, alle spalle dell’Ospedale Vito Fazzi. Fiamme altissime e circolazione in tilt con tutti i leccesi che hanno visto le colonne immense di fumo in diversi punti della città e hanno dovuto convivere con il forte odore di bruciato. Non appena divampato l’incendio sono intervenute diverse squadre di vigili del fuoco per porre rimedio alla situazione.

Il Salento continua a bruciare, gli altri incendi di oggi

Il Salento continua a bruciare e lo fa mettendo a repentaglio anche strutture importanti. Il pronto intervento dei caschi rossi, però, ha posto al sicuro il Vito Fazzi e i suoi pazienti, ad un certo punto minacciati dalle fiamme che si stavano scatenando nel boschetto alle spalle. La polizia locale di Lecce ha diramato un alert sul canale Telegram per invitare gli automobilisti ad usare la massima prudenza anche perché la visibilità, a causa del fumo, è diventata minima. Sul posto, oltre a diverse squadre di vigili del fuoco, è intervenuta la Protezione Civile ed è stato necessario anche l’intervento di un fire boss. Il Salento continua a bruciare ed oggi è stata una giornata davvero complicata. Oltre a quello divampato a San Cesario, infatti, un vasto incendio è esploso anche nel bosco “Buia” di Lequile e sottobosco, un altro sulla Lecce-Brindisi ed un altro a Monteroni. Roghi che arrivano dopo il disastro incredibile che si è avuto nelle ultime ore in Sardegna e che ha messo in ginocchio interi territori.

x