« Torna indietro

Cristian Castelnuovo. NOI SIAMO GAVI. All Images rights reserved. Tutte le immagini sono di Cristian Castelnuovo. Riproduzione vietata.

Azienda biodinamica Castello di Tassarolo (AL): ecco la nuova veste

L’azienda Biodinamica Castello di Tassarolo, possedimento della storica famiglia genovese degli Spinola, che abita ancora l’omonimo castello, inaugura la sua nuova veste, dopo una lunga ristrutturazione, domani, 28 luglio.

La storia dell’azienda biodinamica di Tassarolo

L’azienda, situata nel cuore del Gavi, è sempre stata aperta a nuove possibilità di agricoltura e vinificazione, sempre attenta alla Natura e alla salute dell’uomo. Nel 2006 ha intrapreso la strada dell’agricoltura biodinamica e biologica. Nel 2007 ha vinificato il primo Gavi DOCG senza solfiti mai prodotto, seguito subito dopo dal Barbera e dal Monferrato rosso, oggi definiti dalla moda vini naturali.

Nel 2010, ha introdotto, prima in Italia, l’uso dei cavalli da tiro in vigna, in orto ed in bosco, trampolino di lancio per i successivi corsi di trazione animale ai quali partecipano studenti da tutta Italia.

Le novità dell’azienda biodinamica Castello di Tassarolo

Durante la serata inaugurale di domani sarà presentata la nuova produzione: due Vermouth firmati Castello di Tassarolo: uno bianco ed uno rosso, entrambi da Gavi DOCG Biodinamico, ed un Barbera Chinato biologico nominato “Adagio”, tutti provenienti da antiche ricette piemontesi.

La sala barriques del Castello di Tassarolo

Si potranno assaggiare, inoltre, due qualità di cioccolatini biologici, prodotti per la prima volta da Castello di Tassarolo: una con gocce di Barbera Chinato ed una pralinata e ripiena di Gavi DOCG Titouan senza solfiti. Questi “gioielli di cioccolato” nascono dalla collaborazione tra l’azienda ed un piccolo artigiano piemontese del cioccolato.

Accompagnerà la serata il duo di Vanja Contu all’arpa e Camilla D’Onofrio al violino.

L’azienda oggi

La vocazione recettiva dell’azienda si esprimerà non solo attraverso suggestive visite e degustazioni nei nuovi spazi: la terrazza sui vigneti, l’ampio fienile rinnovato e la scenografica sala barrique con le sue anfore di terracotta, ma anche con iniziative ed eventi a cadenza regolare.

Si inizierà ad ottobre con un corso sulla Biodinamica a cura di Karni Zor e Gafnit Salvi ed un corso di scrittura autobiografica con il writing coach Alessandra Perotti, per proseguire con la scrittura di viaggio assieme alla giornalista di guerra Imma Vitelli e all’antropologa Elena Dacome.

Sono progetti che ricordano e celebrano la vocazione della famiglia Spinola per l’esplorazione ed il viaggio, come testimoniano i tanti personaggi leggendari che la famiglia.

Leggi anche: AUTOMOTIVE E FUTURO DEL PIEMONTE: CIRIO E APPENDINO DA DRAGHI

x