« Torna indietro

Sanità, primo passo verso il nuovo Parco della Salute di Torino

Approvato questa mattina in Consiglio regionale del Piemonte il Disegno di legge che recepisce nel bilancio finanziario e nel patrimonio immobiliare della Regione la cessione all’Azienda Ospedaliera Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino delle aree di proprietà regionale “ex Avio-Oval”, destinate alla realizzazione del Parco della Salute, in “cambio” dell’acquisizione a patrimonio della Regione della porzione dell’immobile che ospita il Museo regionale di Scienze Naturali di via Giolitti a Torino, sinora di proprietà della stessa Azienda ospedaliera.

Il commento dell’Assessore alla Sanità Icardi

«Con il passaggio di proprietà dell’area Avio-Oval all’Azienda ospedaliera Città della Salute di Torino – ha commentato l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi, tra poche settimane si potrà dare avvio alla bonifica del terreno dove sorgerà il nuovo Parco della Salute di Torino. Di fatto, si tratterà dell’apertura del più grande cantiere di edilizia sanitaria mai realizzato in Piemonte. Un progetto da oltre 450 milioni di euro, che comprenderà le nuove sedi ospedaliere delle Molinette, del Cto e dell’Ospedale Sant’Anna, con la potenziale integrazione della torre pediatrica. E’ un risultato storico, per il quale ringrazio tutti coloro che hanno assiduamente lavorato, dalla dirigenza e dal personale della Città della Salute  e dell’Assessorato, ai vari professionisti incaricati, centrando un obiettivo che fino a due anni fa non appariva per nulla scontato».

L’assessore alla Sanità del Piemonte Icardi

«Negli ultimi due anni si sono fatti dei passi da gigante – continua l’assessore Icardi -, ricordiamoci che all’insediamento della nuova Amministrazione regionale, il progetto del Parco della Salute era bloccato. Si sono superate le paludi burocratiche e procedurali dell’appalto, tra dialogo competitivo e dibattito pubblico e si è definito un criterio di azione che oggi ci consente finalmente di guardare avanti in termini di assoluta concretezza. Contestualmente alla bonifica, entro dodici mesi, vale a dire nel secondo semestre del prossimo anno, si concluderà la procedura di affidamento dei lavori e potrà iniziare la costruzione dell’opera».

Leggi anche: AUTOMOTIVE E FUTURO DEL PIEMONTE: CIRIO E APPENDINO DA DRAGHI

x