« Torna indietro

Spinea, le grandi epidemie a Venezia raccontate in parole e musica

Protagonisti Edoardo Pittalis, autore del libro “La Serenissima e le epidemie”, e il duo composto da Gualtiero Bertelli e Simone Cimo Nogarin

31.7.2021 – E’ stato come fare un viaggio nella storia delle grandi epidemie che hanno colpito la Serenissima dalla peste nera del Trecento, raccontata da Boccaccio, fino al Covid dei giorni nostri. Un viaggio tra numeri e cronache raccontate dal giornalista Edoardo Pittalis, autore del libro “La Serenissima e le epidemie”, e brani di storia cantati e musicati dal duo composto da Gualtiero Bertelli e Simone Cimo Nogarin.

Questo il secondo appuntamento della rassegna “Sotto le stelle a parlare di Veneto”, promossa dal Consorzio delle Pro Loco del Decumano, al parco Nuove Gemme di Spinea venerdì 30 luglio.

Con la consueta accuratezza di dati e pungente ironia, Pittalis ha evidenziato come gli uomini di fronte alle pandemie e alle paure che esse suscitano nell’animo umano si sono sempre comportati allo stesso modo: non c’è nessuna differenza tra i politici di oggi e quelli di ieri, tra gli scienziati di oggi e quelli di ieri, tra gli imprenditori di oggi e quelli di ieri.  Storie del passato e di Venezia, attraverso epidemie e contromisure: il Medioevo e il Rinascimento, il Seicento e la Repubblica di Manin (il morbo infuria, il pan ci manca…). La religione e la superstizione, le processioni e le grandi chiese votive, la festa del Redentore…

Una serata culturale densa di aneddoti e curiosità, come quella dei cartelli che i bottegai veneziani affissero ai portoni delle loro botteghe durante la peste del 1576, motivando le ragioni per cui se ne erano scappati in terraferma, i cui testi sono stati musicati da Bertelli e Nogarin. 

x