« Torna indietro

Venezia, saranno potenziati i server per le immagini della videosorveglianza

6.8.2021 – La Giunta comunale riunita ieri in web conference, ha approvato su proposta dell’assessore alla Sicurezza Silvana Tosi, la delibera con la quale si partecipa al bando regionale per il finanziamento del progetto per l’acquisto di un server per le immagini dei sistemi di videosorveglianza già presenti nel territorio, nella Centrale operativa della Polizia Locale di Venezia.

“Alla luce del bando approvato dalla Regione – commenta l’assessore Silvana Tosi – abbiamo elaborato grazie a Venis S.p.a., un progetto dal valore complessivo di 100mila euro, che consentirà il potenziamento del sistema di videosorveglianza urbana al fine di supportare l’integrazione dei sistemi di videosorveglianza dei Comuni di Marcon e Mira con la Centrale operativa del Comune di Venezia.

Un ulteriore passo in avanti in quel progetto fortemente voluto dal sindaco Luigi Brugnaro di fare della sicurezza uno degli elementi cardine dell’agire amministrativo. In questi anni di Amministrazione molto è stato fatto e molto abbiamo intenzione di continuare a fare, tanto da essere sempre pronti a raccogliere ogni occasione utile per investire sul territorio al fine di aumentare il livello di sicurezza verso la cittadinanza”.

“Ad oggi – spiega Paolo Bettio amministratore unico di Venis S.p.a. – a Venezia gestiamo più di 450 telecamere che costituiscono una rete di videosorveglianza molto importante. Si tratta di sistemi ad alta risoluzione su rete in fibra ottica di proprietà del Comune di Venezia capaci di generare flussi video da 2,4 Gigabit per secondo. Non solo, abbiamo fatto in modo che la quasi totalità delle telecamere fossero dotate di sistemi di analisi video basati su reti neurali ed intelligenza artificiale che consentono di ricercare persone e veicoli a partire dalla descrizione del loro aspetto (ad es. tipo di veicolo, colore, colore degli abiti di un individuo) o da un’immagine di esempio.

Un elemento particolarmente importante soprattutto se consideriamo che le telecamere del Comune di Venezia vengono visualizzate anche dalla Polizia di Stato, Guardia di Finanza e dal Comando provinciale dei Carabinieri e che l’intero impianto diventa elemento fondamentale in caso di indagini della magistratura. É quindi motivo di grande soddisfazione per Venis gestire una piattaforma di videosorveglianza così evoluta e integrata nella Smart Control Room della città di Venezia che è, a tutti gli effetti, un luogo di eccellenza riconosciuto a livello internazionale”.

x