« Torna indietro

Confisca dei beni per “Turi Amato”, esponente del clan Santapaola-Ercolano

A seguito di una complessa attività d’indagine confluita in una dettagliata proposta a firma congiunta del Procuratore della Repubblica e del Questore di Catania, per l’applicazione della misura di prevenzione personale e patrimoniale, avanzata nel 2019, il Tribunale di Catania  – Sezione Misure di Prevenzione ha emesso un decreto di confisca che è stato eseguito da personale della Questura di Catania. I beni confiscati erano già stati oggetto di sequestro di prevenzione eseguito nel giugno dello scorso anno ed  appartenenti al patrimonio di Salvatore AMATO cl. 1955, conosciuto come Turi Amato, storico appartenente all’organizzazione mafiosa “Santapaola-Ercolano”, in atto detenuto, per cumulo pene detentive, in relazione a diverse condanne definitive inflitte per associazione mafiosa finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, estorsione ed altro.  In tale organizzazione, lo stesso, ha sempre rivestito ruoli apicali, anche in forza della parentela con la famiglia del boss Benedetto Santapaola, avendone sposato la cugina Grazia Santapaola. AMATO, dedito prevalentemente al traffico di stupefacenti ed alle estorsioni, è stato a lungo il responsabile del gruppo c.d. “ottantapalmi”, operante nel quartiere San Cristoforo di questo capoluogo.  

Le indagini “economico-patrimoniali”, condotte nei confronti del suddetto da parte dei patrimonialisti della Divisione Anticrimine e della Squadra Mobile della Questura di Catania, hanno fatto emergere l’esistenza di beni, nello specifico diversi fabbricati ubicati nello storico quartiere di “San Cristoforo” di cui lo stesso, attraverso l’intestazione a terzi stretti congiunti, tra cui la moglie e i figli, aveva la piena disponibilità. Il loro valore, assolutamente sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati nel tempo, rappresenta una delle prove del fatto che costituiscano il frutto ed il provento delle attività illecite commesse in seno all’organizzazione mafiosa Santapaola. 

Nei confronti dell’Amato è stata anche disposta la misura di prevenzione personale della Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno per anni tre e il pagamento di una cauzione che avrà esecuzione al momento della sua scarcerazione.

x