« Torna indietro

Cadavere nel Bresciano: serve Dna ma si ritiene sia Laura Ziliani

Manca solo l’esame del Dna per avere la prova certa, ma la Procura di Brescia non ha più dubbi: il cadavere trovato a Temù, in Vallecamonica, è quello di Laura Ziliani, vigilessa scomparsa lo scorso 8 maggio. Non si esclude che la salma possa essere stata sepolta e poi tornata alla luce a seguito dell’esondazione del fiume, dopo giorni di temporali. Due delle tre figlie di Laura Ziliani (con il fidanzato della figlia maggiore) sono indagate per omicidio volontario e occultamento di cadavere. Il corpo è stato ritrovato l’8 agosto da un bambino di meno di 10 anni che stava passeggiando insieme al padre, con il suo cane. “Molti gli elementi che fanno ritenere che sia la donna scomparsa tre mesi”, riferiscono fonti investigative.

x