« Torna indietro

Francesca Mazza

Serata finale della rassegna “Attorno al Museo” 2021

Serata finale della rassegna “Attorno al Museo” 2021 con il progetto artistico Lascia che sia il vento a completar le parole, di e con Anna Amadori e Francesca Mazza.

Serata finale della rassegna “Attorno al Museo” 2021 con il progetto artistico Lascia che sia il vento a completar le parole, di e con Anna Amadori e Francesca Mazza.

Come da tradizione, sarà la parola della poesia a segnare martedì 10 agosto 2021 alle 21.15, nella notte delle stelle cadenti, l’approdo finale della rassegna di iniziative culturali “Attorno al Museo”, voluta dall’Associazione Parenti delle Vittime della Strage di Ustica per trasmettere la memoria viva e rinnovare la richiesta di verità e giustizia attraverso i differenti linguaggi dell’arte. 

Questo momento di alto ed emozionante impegno civile si declina nel progetto artistico Lascia che sia il vento a completar le parole, di e con Anna Amadori e Francesca Mazza, con la partecipazione di Flavia BakiuAlice Gera e Bruno Stori (voce fuori scena), e l’Ensemble “La Flora” diretto da Alida Oliva con le voci di Elena BassiAlessandra FioriAlida OlivaTeresa ParigiBianca Simone.

Anna Amadori

Nella serata che conclude le iniziative organizzate in occasione del quarantunesimo anniversario della strage, porterà un saluto l’Arcivescovo di Bologna Cardinale Matteo Maria Zuppi.

Affidiamo la nostra notte di San Lorenzo alle parole di poetesse accomunate dalla religio della scrittura, dalle loro vite appartate, quasi clandestine e dal destino della loro opera spesso dimenticata o solo tardivamente rivalutata e amata.  È una comunanza che si ritrova nei temi: il rapporto intimo e viscerale con la Natura e il continuo dialogo con Dio o con l’elemento spirituale dell’esistenza umana, fucina di senso e contraddizione dell’agire sulla terra. Sono Cristina CampoMargherita GuidacciAntonia Pozzi le cui vite si schiudono e  si intrecciano, a volte reciprocamente, attraverso le lettere che svelano i processi del loro sentire, le fonti del loro scrivere. Così, nel dare voce al loro mondo, attingiamo alla loro opera poetica e ai loro epistolari e diari. Creiamo una costellazione delle loro parole a disegnare una volta celeste dove la poesia – atto di conoscenza e compassione – ha dimensione di cura, è alternativa al dolore e alla morte, preannuncio di rinascita nel rapporto con la Natura; dove risuona, insieme alle parole, il canto, armonia sublime di suono e senso e liberazione dalla parola stessa, sua radice.

Ingresso gratuito, con prenotazione obbligatoria sul sito web www.vivaticket.com.
In caso di impossibilità a partecipare allo spettacolo, dopo aver prenotato il posto, si prega di scrivere una email di disdetta a info@museomemoriaustica.it.
In seguito all’entrata in vigore del Decreto Legge 23 luglio 2021 n. 105, per accedere allo spettacolo sarà obbligatorio mostrare all’ingresso il proprio Green Pass, insieme a un documento di riconoscimento valido.

In continuità con quanto proposto negli ultimi anni, la proposta artistica di Attorno al Museo parte da opere prime originali che sappiano rivolgere il proprio sguardo al futuro e alle nuove generazioni nella consapevolezza che solo interrogandosi e mantenendo viva l’attenzione sul passato e sulla storia sia possibile dare risposte ai continui mutamenti a cui siamo sottoposti quotidianamente. 

I sette appuntamenti in programma, con la consueta versatilità ormai diventata tratto distintivo, scelgono di creare dialoghi peculiari tra gli accadimenti del giugno 1980, l’installazione di Christian Boltanski al Museo per la Memoria di Ustica, il presente e il futuro, spaziando tra installazioni artistiche, teatro, jazz, danza e poesia.

La rassegna  è promossa da Associazione Parenti delle Vittime della Strage di Ustica, con Regione Emilia-RomagnaAssemblea Legislativa della Regione Emilia-RomagnaIstituzione Bologna Musei | MAMbo – Museo d’Arte Moderna di BolognaComune di Bologna – Quartiere NavileBologna Città della Musica UNESCO e fa parte di Bologna Estate 2021, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città Metropolitana di Bologna – Destinazione Turistica.
Main media partner RAI Radio 3, main sponsor Gruppo Unipol.
Si ringraziano T-per, Legacoop BolognaGruppo HeraCoop Alleanza 3.0.

I progetti sono realizzati in collaborazione con CronopiosOfficina ImmagineBologna Jazz Festival, Danza Urbana e Tra un atto e l’altro.

Nelle serate di spettacolo (1, 8, 15, 19, 29 luglio, 10 agosto 2021) il Museo per la Memoria di Ustica rimane aperto dalle h 20.00 alle 23.00. 
Il Dipartimento educativo MAMbo propone una visita guidata gratuita alle h 20.00 con prenotazione obbligatoria alla mail mamboedu@comune.bologna.it entro le h 13.00 del giorno stesso. 
L’ingresso al museo è sempre gratuito.

x