« Torna indietro

Una veduta interna del carcere romano di Regina Coeli in una foto tratta dal sito del sindacato di polizia penitenziaria Uilpa Penitenziaria. ANSA/ UILPA PENITENZIARIA ++HO - NO SALES EDITORIAL USE ONLY- NO ARCHIVE++

Evade i domiciliari più volte e si becca altrettante denunce. Nei guai 47enne

Dopo la condanna del marzo scorso, evade i domiciliari diverse volte e viene denunciato. Ora, dopo l’ultimo episodio, è finito in carcere. Non è certo la prima volta che un uomo già ai domiciliari e con diverse accuse pendenti, si macchia di altri reati e finisce maggiormente nei guai, ma qui c’è l’aggravante della recidività. Nei giorni scorsi, infatti, gli agenti in servizio presso il Commissariato di Polizia di Galatina hanno tratto in arresto Cosimo Damiano Viti, 47enne di Galatina, in esecuzione del provvedimento di aggravamento disposto dall’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Lecce, che sospende gli arresti domiciliari cui lo stesso era sottoposto, con la traduzione in carcere. L’uomo era agli arresti domiciliari, dopo aver ferito un Agente del Commissariato di Galatina, durante un normale controllo avvenuto nello scorso mese di marzo. 

Evade i domiciliari più volte, si aprono le porte del carcere

Lo stesso, più volte, evade i domiciliari ed era stato denunciato per ben tre volte per queste evasioni. In ciascuna circostanza, solo successivamente al controllo effettuato dagli Agenti delle volanti del Commissariato ed avvertito dalla compagna della visita della Polizia, si è recato puntualmente al Pronto Soccorso per giustificare la sua assenza dai domiciliari, fingendo ogni volta una situazione di malessere non meglio definita. Alla luce delle numerose denunce, quindi, è stata emessa un’ordinanza di sospensione cautelativa delle misure alternative con conseguente carcerazione, per scontare la pena residua di 1 anno e 8 mesi di reclusione. 

x