« Torna indietro

incendi

Boschi della Liguria ancora in fiamme

Nei boschi liguri, regnano ancora le fiamme. Mentre il giorno fa capolino, gli esperti sono al lavoro da ore. Nell’entroterra di Framura, Vigili del Fuoco e volontari non si sono risparmiati per tutta la notte, al fine di contenere le fiamme. Più di 20 volontari delle province della Protezione civile di Spezia e Genova si sono adoperati. Non ci sono abitazioni coinvolte. Il fuoco si è allargato (aggiornamento ore 8 e 40), con un fronte che ha superato il chilometro di lunghezza.

Dopo il presidio attivo notturno, anche le operazioni aeree sono riprese. Due elicotteri dell’antincendio boschivo della Regione Liguria sono stati impiegati: uno è decollato da Genova, l’altro da Imperia. Un canadair è arrivato dall’Umbria: è stato reso disponibile dal Coordinamento operativo aereo unificato presso il dipartimento nazionale della Protezione civile, su richiesta della Sala operativa unificata permanente di Regione Liguria.

E’ giunto anche un secondo aereo anfibio: il fine era contenere il fronte del fuoco. Al mattino, tre famiglie sono state evacuate in via precauzionale. Mentre lasciavano le loro dimore, anche i villeggianti presenti un agriturismo sono stati invitati ad allontanarsi. L’assessore alla Protezione civile Giacomo Giampedrone ha attuato un sopralluogo, nell’area da cui si dirigono le operazioni.

I vigili del fuoco di Chiavari sono stati impegnati dall’una alle quattro con sette uomini e tre mezzi: le fiamme che avevano lambito un oliveto incolto nel comune di Caperana non volevano lasciarlo. Si tratta di 1.300 metri quadrati di terreno bruciato, che si trova nel bel mezzo delle abitazioni, già minacciate dalle fiamme in località Case Sparse. Alle 3 e 45 l’incendio è stato spento: l’area è stata bonificata. Con un giro di controllo attuato in mattinata, i Vigili del Fuoco hanno verificato che la loro opera fosse senza pecche e non si registrassero nuovi problemi.

Domenica, Montoggio e Rezzoaglio sono stati teatro di altrettanti incendi. In Liguria si registra lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi. Hanno avuto un ruolo rilevante le alte temperature e i terreni secchi, che portano a una elevata probabilità di innesco e propagazione dei roghi. E’ ora vietato, sulla base delle norme, accendere qualsiasi tipo di fuoco, anche pirotecnico e non è possibile utilizzare strumenti elettrici. In caso di incendio boschivo bisogna attivare immediatamente il sistema regionale di intervento, con una chiamata al numero unico di emergenza 112.

x