« Torna indietro

Roma, “ferragosto sicuro” tra il 14 e il 15 i carabinieri arrestano 20 persone e ne denunciano 14

ROMA – I Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, in occasione del Ferragosto, hanno intensificato i servizi di controllo in tutto il territorio della Capitale e della Provincia. Il massiccio dispiegamento di forze è stato possibile anche grazie ai rinforzi disposti dal Comando Generale dell’Arma, secondo una pianificazione a Roma, così come a livello nazionale, che ha visto interessate tutte le zone a maggiore vocazione turistica.

BILANCIO

Venti persone arrestate, 13 denunciate, 3000 persone e circa 1800 veicoli controllati, verifiche in 85 locali dal centro al litorale, intervento e indagini per 5 incendi in tutta la Provincia  è il bilancio del dispositivo messo in atto dai Carabinieri, nella sola giornata di Ferragosto.

Si tratta principalmente di persone arrestate per detenzione e spaccio di droga, furto, evasione dai domiciliari e persone ricercate perché destinatarie di provvedimenti restrittivi, trovate nel corso dei controlli.

ANTIABUSIVISMO E ANTICOVID 

Costante l’attenzione rivolta ai luoghi di maggiore aggregazione, ai locali, alle spiagge e a tutti quei contesti in cui tradizionalmente si creano situazioni particolarmente rilevanti sul piano della sicurezza pubblica anche in relazione al perdurante contesto di attenzione sanitaria con il controllo di 110 attività commerciali – tra bar, ristoranti, pub, gelaterie, stabilimenti balneari – che, in alcuni casi, sono state sanzionate.

AL PANTHEON, i Carabinieri della Compagnia Roma Centro hanno sanzionato 3 venditori ambulanti abusivi di vari oggetti. Oltre al sequestro dell’intera merce e alle sanzioni previste per un importo complessivo di 16.500 euro, i militari hanno notificato loro l’ordine di allontanamento “DASPO Urbano” dal Centro Storico Capitolino per 48 ore.

A Trastevere, nell’ambito della movida, i Carabinieri sono intervenuti in un ristorante di piazza San Cosimato dove un romano di 31 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine e sottoposto all’obbligo di presentazione alla P.G., dopo aver bevuto qualche bicchiere di troppo, stava importunando gli altri avventori. Alla vista dei militari, l’uomo ha iniziato ad inveire e a cercare più volte lo scontro fisico, ma è stato ammanettato e portato in caserma.

I Carabinieri della Compagnia Roma piazza Dante hanno avuto il loro bel da fare nella zona di piazza Vittorio Emanuele II – dove hanno arrestato due pusher del Gambia sorpresi con dosi di hashish, marijuana e cocaina pronte per essere smerciate – e al Pigneto, altra zona “calda” sul fronte della movida. Qui i Carabinieri hanno denunciato a piede libero un cittadino romeno di 39 anni, con precedenti, che all’atto del controllo è stato trovato con un coltello in tasca.

In azione anche le “gazzelle” dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, nella zona de La Rustica, dove hanno denunciato un cittadino romeno di 32 anni, con precedenti, dopo essere stato controllato alla guida di un’auto – risultata radiata dal P.R.A. – senza aver mai conseguito la patente. Poco dopo, un’altra pattuglia di Carabinieri ha arrestato un romano di 56 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine, “pizzicato” con decine di dosi di cocaina in piazza Ostuni.

Un vigoroso spiegamento di forze è stato messo in campo anche tra Anzio e Nettuno, dove i Carabinieri della locale Compagnia, unitamente ai colleghi del N.A.S. e del N.I.L., oltre ai normali servizi di controllo del territorio, hanno ispezionato anche decine di attività commerciali: in una pizzeria, i militari hanno fatto scattare le sanzioni previste per alcune irregolarità emerse sulla tracciabilità degli alimenti, per le carenti condizioni igienico-sanitarie e sulla modalità di detenzione di 50 Kg tra carne e pesce, conservati in maniera promiscua e senza tracciabilità. In un altro caso, il gestore di un pub è stato denunciato a piede libero per aver impiegato un lavoratore “in nero” che è risultato anche essere clandestino sul territorio nazionale. Oltre alla sanzione di 5.600 euro è stata disposta la sospensione dell’attività.

Particolarmente intensi sono stati i controlli operati dai Carabinieri sul litorale. Ad Ostia è stato impiegato anche un elicottero del Raggruppamento Aeromobili Carabinieri di Pratica di Mare che ha tenuto d’occhio le attività dall’alto. I militari hanno denunciato a piede libero 2 persone: uno studente romano di 21 anni, incensurato, sorpreso in possesso di un coltello a serramanico e una dose di hashish, e un 51enne romano con precedenti, sorpreso dalla vigilanza di un supermercato di via delle Azzorre a rubare prodotti per un valore di oltre 200 euro. I Carabinieri specializzati del Nucleo Ispettorato del Lavoro e del Nucleo Antisofisticazione e Sanità hanno passato al setaccio stabilimenti balneari, bar e ristoranti tra Ostia, Fiumicino e Fregene: in alcune di queste attività sono state riscontrate irregolarità in tema di ampliamento dei locali e nella tracciabilità degli alimenti.

PREVENZIONE FURTI

A Tor Bella Monaca, in via Trecastagni, i Carabinieri hanno sventato un furto in appartamento, arrestando un nomade di 17 anni che era riuscito ad arraffare monili in oro e altri oggetti di valore in un’abitazione. L’intera refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario, mentre il “topo d’appartamento”, trattenuto in caserma, verrà giudicato con rito direttissimo.

SICUREZZA STRADALE

Per guida in Stato di ebbrezza un cittadino bulgaro di 44 anni è stato denunciato a piede libero dai Carabinieri della Stazione di Torrimpietra. Stessa sorte per un ragazzo di Cerveteri di 31 anni, “pizzicato” alla guida evidentemente alticcio.

A Passoscuro, i militari del locale Comando Stazione hanno segnalato all’U.T.G. un 18enne sorpreso con una modica quantità di hashish, mentre i Carabinieri della Motovedetta della Sezione Navale locale hanno elevato due sanzioni amministrative, dell’importo complessivo di 2.000 euro, nei confronti di due diportisti risultati sprovvisti di certificazioni per la navigazione.

TUTELA DEL PATRIMONIO VERDE E BOSCHIVO

I Carabinieri di Velletri indagano sulle cause che hanno provocato un incendio la sera del 14 agosto sul Monte Artemisio, sul versante località “Pratoni del Vivaro”, che interessava l’area boschiva e le sterpaglie, domato dall’intervento dei Vigili del Fuoco di Velletri. Per fortuna senza danni a persone, animali, abitazioni, veicoli e colture.

Nel pomeriggio del 15 agosto, ad Anguillara Sabazia,  I Carabinieri della locale Stazione sono intervenuti in Strada Comunale di Martignano, ove dalle ore 13 circa si era sviluppato un incendio che ha interessato l’area incolta adiacente l’omonimo lago. I Vigili del Fuoco intervenuti con il supporto di mezzi aerei hanno provveduto a domare le fiamme. Nel corso delle operazioni sono state evacuate dalle rive del lago circa 300 persone a causa della presenza di fumo. Nessuna abitazione è stata danneggiata e nessun ferito. Anche qui le indagini sono a cura dei Carabinieri.

A Castelnuovo di Porto, sempre ieri, intorno alle 12, i Carabinieri della locale Stazione sono intervenuti presso il centro polifunzionale (ex c.a.r.a.), ove si era sviluppato un principio d’incendio in un’area incolta adiacente la struttura, prontamente domato dai Vigili del Fuoco. Alle successive ore 14 veniva segnalato un nuovo principio d’incendio nella medesima zona, spento dalla Protezione Civile. Anche qui a parte lievi danni all’area verde adiacente la portineria del centro polifunzionale e pareti esterne di una cabina telefonica, nessuno è rimasto ferito.

I Carabinieri della Stazione di Capena indagano per accertare le cause di un incendio che divampato verso le 17,30 in Capena, via di Cento Viole, che interessava circa venti ettari di terreni incolti della macchia mediterranea. Le fiamme sono state domate dalla locale Protezione Civile e Vigili del Fuoco di Roma e di Montelibretti. Le fiamme sono arrivate a lambire circa 40 abitazioni le cui famiglie venivano fatte temporaneamente evacuare. Nessun ferito.

Sempre i Carabinieri di Velletri indagano per accertare le cause di un incendio partito ieri sera, verso le 19, su terreni agricoli privati, propagatosi su una superficie complessiva di due ettari circa, interessando prevalentemente sterpaglie e, in parte, alcune piante di ulivo lambite dalle fiamme, in località Fontana Parata e Ponte di Mele, domato nella stessa serata dai Vigili del Fuoco di Velletri. Nessun danno a persone, animali, abitazioni e veicoli.

x