« Torna indietro

Usa, una minaccia su New York: arriva l’uragano Henri

Più di 40 milioni di persone sono a rischio per l’uragano Henri, che si abbatte sulla costa Est degli Stati Uniti. A New York “We Love Nyc: The Homecoming”, un concerto evento, è stato interrotto e migliaia di spettatori evacuati.

Ecco quanto riporta la Reuters: “I venti esterni dell’uragano Henri si sono spostati a terra nel sud del New England e a Long Island domenica al mattino presto (aggiornamento ore 11 e 46), mentre la tempesta ha minacciato la regione con venti forti, una pericolosa ondata di tempesta e piogge torrenziali. Alle 5 del mattino (ore 11 in Italia), Henri si trovava a circa 125 chilometri a sud-sud-est di Montauk Point a Long Island nello stato di New York, come ha reso noto il National hurricane center (Nhc) degli Stati Uniti. Determinava venti sostenuti, da 120 chilometri orari e si dirigeva a nord. Henri avrebbe dovuto scendere a terra a Long Island o nel New England meridionale più tardi domenica, toccando terra con la forza dell’uragano o quasi, come ha reso noto il centro. Sabato, più di 42 milioni di persone nella regione erano in allarme per un uragano o una tempesta tropicale, ha detto il Nhc.

Il centro ha avvertito che Henri avrebbe potuto produrre mareggiate – quando le acque oceaniche vengono spinte al di sopra del loro livello normale – da 1 a 1,5 metri in alcune aree, oltre a portare precipitazioni di 7,5-15 centimetri. Zone di Long Island e New Haven, nel Connecticut, erano sotto l’allarme di uragani e mareggiate. Altre zone del New England, come Martha’s Vineyard e Nantucket, erano sotto sorveglianza e allerta per le tempeste tropicali”.

Uragano Henri: “state a casa, newyorkesi”

E ancora: “New York City, la città più grande degli Stati Uniti, era in allarme per tempesta tropicale. Sabato, in un post su Twitter, il sindaco Bill de Blasio ha esortato i residenti a rimanere a casa la domenica e a utilizzare i mezzi pubblici se hanno bisogno di viaggiare. I funzionari della gestione delle emergenze hanno affermato che forti piogge e venti distruttivi potrebbero inondare le strade e ridurre la visibilità per tutto il fine settimana.

Proteggi gli oggetti all’aperto e assicurati di essere in un luogo sicuro prima dell’inizio del vento e della pioggia!’, ha scritto sabato in un tweet il commissario per la gestione delle emergenze di New York City John Scrivani. Nella parte orientale di Long Island, nel piccolo villaggio di Hampton ad Amagansett, New York – dove hanno casa celebrità come Paul McCartney, Alec Baldwin e Gwyneth Paltrow – i residenti hanno affollato supermercati, ferramenta e negozi di liquori sabato mattina presto. Al supermercato Iga, gli scaffali sono stati vuotati: è stata fatta incetta di carta igienica, asciugamani di carta e altre scorte. Gli automobilisti aspettavano in lunghe file alle stazioni di servizio, mentre i negozi finivano le torce elettriche.

Michael Cinque, il proprietario dell’Amagansett Wine & Spirit, ha deciso di sbarrare le vetrine del suo negozio mentre gli acquirenti entravano e se ne andavano con bottiglie di tequila, vodka e liquori costosi. ‘Devi sempre essere preparato’, ha detto Cinque, che possiede il negozio da 42 anni e si offre volontario come soccorritore. ‘Devi prenderlo sul serio.’

I funzionari di Fire Island al largo della costa meridionale di Long Island hanno detto ai residenti e ai visitatori di andarsene o affrontare la possibilità di rimanere bloccati sull’isola. Anche a Newport, nel Rhode Island, una comunità costiera di navigatori di 25.000 persone, erano molto richiesti pompe a pozzetto, torce elettriche e generatori. Eversource, la più grande società di servizi elettrici del Connecticut, ha avvertito i residenti di prepararsi a interruzioni di corrente per un massimo di 5-10 giorni.

Diverse compagnie aeree hanno allertato i viaggiatori e hanno offerto voucher per i biglietti sui voli in entrata e in uscita dalla regione durante il fine settimana. Le ferrovie Long Island rail road e la Metro-North railroad hanno sospeso il servizio domenicale, mentre il sistema di trasporto pubblico di Boston ha dichiarato di voler ridurre il servizio per domenica. Sabato pomeriggio il governatore di New York Andrew Cuomo ha dichiarato lo stato di emergenza, avvertendo le persone nelle aree soggette a inondazioni di spostarsi su un terreno più in alto.

Il governatore del Massachusetts Charlie Baker e il governatore del Connecticut Ned Lamont hanno attivato la Guardia Nazionale nei loro stati per dare aiuto in possibili operazioni di salvataggio, rimozione dei detriti e sicurezza pubblica” (foto di repertorio).

x