« Torna indietro

Femminicidio: i post inquietanti di Tony Sciuto

E’ il 23 marzo di 4 anni fa. Antonino “Tony” Sciuto pubblica la foto che vedete sul suo profilo Facebook. Un’immagine disturbante, cupa, macabra, ancor più inquietante adesso che il 38enne di San Giovanni la Punta, centro alle porte di Catania, è ricercato per l’efferato omicidio della sua ex fidanzata.

LEGGI ANCHE: FEMMINICIDIO ACITREZZA: CACCIA AD ANTONINO SCIUTO

La pistola puntata alla testa di una donna. La scritta “I Love You”, “Ti Amo”, da chi ritiene che se il futuro non sarà insieme, quell’orizzonte guardato sotto minaccia, allora sarà giusto premere il grilletto. Un’abominio. L’abisso, che purtroppo ha inghiottito Vanessa, massacrata con diversi colpi di pistola davanti ai suoi amici, mentre si godeva spensierata la serata sul lungomare di Acitrezza, il borgo marinaro poco distante da Catania che lei amava.

Un post che ha avuto 8 condivisioni… Un altro dettaglio che dovrebbe fare riflettere.

Perché chi si arma per uccidere, per uccidere una donna considerata una cosa da utilizzare a piacimento, purtroppo non è isolato, braccato, disinnescato.

Anche altri post “raccontano” chi stanno cacciando i carabinieri di Catania. Al Pacino nei panni di Tony Montana, “Scarface”, l’icona di una certa sottocultura criminale o affascinata dall’ambiente criminale. “Tony”, già, così come si fa chiamare Antonino Sciuto, che così come il mafioso cinematografico ha ucciso una donna, ha eliminato quella roba che non poteva più possedere.

E si vede anche il molo di Acitrezza nella foto con la quale afferma che “I migliori inizi capitano dopo i peggiori finali”.

Tutti presagi, annunci, concretizzati dagli atti di violenza che lo avevano condannato per stalking e maltrattamenti in famiglia. Lo scorso giugno il Gip lo ha fatto uscire dal carcere per concedergli i domiciliari. Aveva anche l’obbligo di non avvicinarsi a Vanessa. Misure cautelari inutili. Purtroppo, inutili.

x