« Torna indietro

Spinea, la dirigente Simonetta Boscolo dell’Istituto Comprensivo Hack se ne va solo dopo un anno

23.8.2021 – Il sindaco Martina Vesnaver e la Dirigente dell’Istituto Comprensivo Hack, Simonetta Boscolo, volevano salutarsi prima della partenza, in modo informale, ma Vesnaver ha poi optato per il Municipio perché il saluto si svolgesse comunque “nel posto preposto”, consegnando un presente di libri storici di Spinea dentro a una borsa di tela col logo della città e facendo le foto ricordo di rito.


Simonetta Boscolo: “Ho una lettera di commiato pronta, che non riesco a pubblicare, non riesco ancora a staccarmi. Questo non è solo un lavoro, diventano persone, relazioni, storie e la tua storia si intreccia con la storia degli altri.
E’ stato un viaggio impegnativo, mancava solo l’invasione delle cavallette, ma un viaggio fatto di tanto e di tante persone. Un viaggio meraviglioso. Perché ha portato tante sfide personali. Era il mio primo incarico. Ho trovato sia all’interno della scuola, docenti, personale Ata, i ragazzi, i genitori, l’amministrazione, ho trovato tante persone splendide, che mi hanno accompagnato, supportato e sopportato. E’ stata una crescita insieme in un momento tanto difficile.
Venire fuori dalla didattica a distanza e tornare a una didattica in presenza con tutti quei dpcm, i requisiti che oggi valevano, domani non valevano più, non è stato affatto facile, ma ce l’abbiamo fatta.


Io credo tanto agli incontri, sono il sale, il colore della vita. Spinea è stata foriera di una molteplicità di incontri che valeva la pena di fare.
Se crei comunità, puoi fare tanto, perché insieme si fa tanto. Non mi sono mai sentita da sola, le responsabilità erano mia, ma se ti guardi a fianco e condividi gli aspetti positivi e negativi, spieghi i motivi, la gente non ti abbandona. Il protocollo non avrebbe retto se tutte le famiglie non avessero retto. Siamo stati in contatto telefonico, a volte senza incontrarsi mai fisicamente, ma si sono creati legami forti, dettati anche dalla pandemia, nemico comune, invisibile, collante per creare i legami. E’ necessario portare la normativa a livello umano, cercare di mantenere la nostra dimensione di umanità.


Con Martina, mi sono trovata molto bene, abbiamo trovato molta affinità, a volte non si riesce ad apprezzare chi e cosa si ha. Non è scontato che ci sia un’amministrazione sempre presente, che risponde alle richieste e Martina è sempre stata presente e vicina. La sua umanità travalica quello che è il suo ruolo. Quando le donne si impegnano sanno fare squadra, sanno essere toste, che non vuol dire negare il proprio lato femminile ma valorizzarlo.“

Le fa eco il sindaco: “Mi reputo fortunata: ci siamo trovate entrambe in questo momento di crisi in difficoltà, quello che sembrava un peso è diventato un’opportunità. E’ stato un amore a prima vista, ci siamo trovate sempre in sintonia, cosa che serviva anche per fare tutti i lavori che abbiamo fatto. La dirigente Boscolo è una grande ascoltatrice e grande persona capace di dire le cose giuste nel momento giusto, con grande competenza, ti indirizza, non ti lascia allo sbando. Persona piena di entusiasmo che sapeva contagiare gli altri.


Le auguro il meglio, si avvicina a casa, sebbene in una realtà complessa. E comunque i rapporti rimangono, non si perdono. Molti genitori hanno manifestato la loro stima e il dispiacere di perdere la dirigente, anche il corpo insegnanti. La relazione si è costruita e rimarremo in contatto. Grazie di cuore per tutto.”

x