« Torna indietro

Zebulon Simentov, ultimo ebreo in Afghanistan, lascia il territorio

**ADVANCE FOR SUNDAY, OCT. 4** In this photo taken Saturday, Aug. 29, 2009, Zebulon Simentov, the last known Jew living in Afghanistan, closes the window to the synagogue he cares for in his Kabul home. Simentov is the caretaker and sole member of Afghanistan's only working synagogue. (AP Photo/David Goldman)

Zebulon Simentov, ultimo ebreo in Afghanistan, lascia il territorio

Zebulon Simentov, ultimo ebreo in Afghanistan, lascia il territorio. Ecco quanto riportato dalla Cnn: “L’ultimo membro noto della comunità ebraica afgana ha lasciato il Paese venerdì, portando con sé altre 30 persone, tra cui 28 donne e bambini, in una missione di cinque giorni verso la salvezza, secondo il gruppo che ha effettuato l’evacuazione.

Zebulon Simentov fino ad ora ha mantenuto in vita l’unica sinagoga di Kabul, sopravvivendo in parte grazie a donazioni dall’estero. Una figura ben nota nella capitale afgana, Simentov, che ha appena sessant’anni, ha vissuto decenni di conflitti e disordini politici, compreso il precedente dominio dei talebani sul paese dal 1996 al 2001.

Simentov e altri 30 hanno viaggiato in furgone sul terreno montuoso dell’Afghanistan e hanno incontrato diversi posti di blocco talebani prima di entrare in ‘un paese vicino’ lunedì, il capodanno ebraico Rosh Hashana, come reso noto da Moti Kahana, un uomo d’affari e filantropo israelo-americano che ha organizzato la fuga. Simentov ha il merito di aver contribuito a salvare dozzine di bambini, rifiutandosi di lasciarli indietro in Afghanistan, ha affermato Kahana.

L’evidenza storica suggerisce che l’Afghanistan era una volta sede di una considerevole comunità ebraica. Ha raggiunto le 40.000 persone a metà del diciannovesimo secolo e ha iniziato a ridursi intorno al 1870 con l’arrivo di misure antiebraiche, secondo l’American-Israeli Cooperative Enterprise, una società senza scopo di lucro. La maggior parte degli ebrei rimasti in Afghanistan se ne andò dopo la creazione di Israele nel 1948 e poi nel 1979 dopo l’invasione sovietica, ha reso noto il gruppo.

Lo status di Simentov come ultimo ebreo rimasto in Afghanistan ha ricevuto ampia attenzione da parte dei media negli ultimi decenni, con numerosi rapporti che descrivono in dettaglio il suo persistente rifiuto di lasciare il Paese, anche dopo che sua moglie ei suoi figli si sono trasferiti in Israele. Durante un’intervista con la Cnn nel 2010, Simentov ha raccontato le esperienze avute con i talebani, descrivendo come il gruppo “interferisse negli affari di tutti”. Simentov ha detto alla Cnn di essere stato arrestato quattro volte durante il precedente governo dei talebani e di essere stato picchiato mentre era in custodia.

Il recente ritiro degli Stati Uniti e il potere ai talebani hanno innescato l’esodo di migliaia di persone dal Paese, inclusi cittadini stranieri, afgani che avevano lavorato con le forze americane e britanniche e minoranze etniche e religiose a lungo perseguitate, come gli hazara, che temevano di essere uccisi una volta che i talebani fossero tornati ad avere autorità. Nonostante il pericolo, Simentov inizialmente ha rifiutato di lasciare la sua casa, ha detto Kahana.

I suoi vicini, tuttavia, lo hanno convinto che non era al sicuro, e se i talebani non fossero arrivati ​​a lui, il gruppo militante islamista Isis-Khorasan (Isis-K) avrebbe potuto fare di lui un esempio. Gli avevano detto che la gente parlava di lui e che sarebbe stato ucciso, ha ricordato Kahana”.

x