« Torna indietro

Mestre, Miranese: strade e parchi cittadini al setaccio. Preso il 70enne che rigava le auto a Mirano

20.9.2021 – Fine settimana di controlli da parte dei Carabinieri della Compagnia di Mestre nel centro città ed in terraferma, finalizzati al contrasto ai fenomeni di criminalità diffusa, lo spaccio di stupefacenti ed il controllo della circolazione stradale.
I controlli hanno interessato in particolare le aree sensibili della terraferma, come il quartiere “Piave” ed i parchi, con servizi che hanno raggiunto anche la terraferma veneziana sulla direttrice del Miranese in particolare.


L’attività si è estrinsecata in controlli dinamici dei soggetti ritenuti d’interesse operativo, con la proiezione di pattuglie appiedate e automontate che hanno garantito una maggiore dinamicità nel controllo del territorio e nella prevenzione dei reati con l’identificazione di 96 persone e 47 veicoli, e verifiche su vari esercizi pubblici, anche in funzione di controllo sul rispetto delle norme del distanziamento sociale. Non sono mancati i risultati, l’attività di controllo ha infatti portato al deferimento in stato di libertà di:

  • M.O. nigeriano classe 1994, per il reato di “Possesso ai fini di spaccio di sostanza stupefacente”. L’uomo è stato controllato su via Piave mentre si aggirava a piedi, dimostrandosi immediatamente insofferente e nervoso all’identificazione. La perquisizione personale ha permesso di rinvenire alcune dosi di eroina, insieme al provento spicciolo dello spaccio in corso; in questo modo è maturata l’accusa di spaccio e la conseguente denuncia, con il sequestro di stupefacente e denaro;

  • – Altro spacciatore pizzicato questa volta in un parco di Mirano, M.N. albanese classe 1983, che è stato invece controllato mentre si aggirava a bordo di autovettura nella zona isolata nei pressi di via Cavin, dimostrandosi anch’egli molto nervoso. La perquisizione personale e del mezzo ha permesso di rinvenire alcune dosi di Marijuana, appena ceduta ad un giovane tossicodipendente del posto, con il sequestro di stupefacente e sempre del denaro provento della cessione;

  • – T.M., 52enne italiana residente a Camponogara, denunciata per “furto”, poiché – in trasferta all’Emisfero di via Cavin di Sala – è stata bloccata subito dopo aver tentato il furto di alcuni generi alimentari al supermercato per un controvalore di 80 euro;

  • – Denuncia penale anche per B.I. 45enne moldavo, che è stato controllato a Mirano e non aveva ottemperato all’ordine di espulsione dal territorio nazionale; uno suo connazionale C.S. classe 1980, a Spinea non solo disturbava i clienti di un Kebab, ma rifiutava di fornire i documenti ai Carabinieri intervenuti, meritando così la relativa denuncia;

  • – Singolare la vicenda del pensionato B.L. classe 1951, che evidentemente si divertiva a sfregiare la carrozzeria delle auto parcheggiate a Mirano in zona via Gramsci e che su pronta segnalazione di un proprietario veniva colto sul fatto con un cacciavite appuntito dopo aver “firmato” la vernice di due auto. Per lui scattava la denuncia per danneggiamento aggravato.
    I controlli alla circolazione stradale hanno permesso invece di denunciare due persone con un tasso alcolemico alto, con rispettive patenti ritirate.
    Quattro ragazzi di Mirano sono stati invece segnalati alla Prefettura di Venezia per consumo di stupefacenti poiché trovati in possesso di alcuni grammi di Marijuana.
x