« Torna indietro

Torna Art Night: il 2 ottobre la notte bianca dell’arte di Venezia

23.9.2021 – L’arte veneziana spalanca le porte ai cittadini per una notte di cultura e bellezza. In occasione della sua decima edizione, Art Night viene riproposta con un nutrito programma di eventi culturali gratuiti in presenza il prossimo 2 ottobre, in contemporanea con la Nuit Blanche di Parigi.

La manifestazione è stata ideata dall’Università Ca’ Foscari ed è organizzata in collaborazione con il Comune e con il patrocinio della Regione Veneto. Il suo obiettivo è “riconciliare la cittadinanza con le arti e far scoprire o riscoprire il patrimonio artistico veneziano” come ha spiegato stamani, nel corso della presentazione dell’iniziativa nell’aula magna di Ca’ Dolfin, Antonio Marcomini, prorettore vicario di Ca’ Foscari. Accanto a lui anche l’assessore comunale all’Università, la direttrice scientifica di Art Night Silvia Burini e la sua coordinatrice Angela Bianco, oltre a Simone Salomoni di Vitruvio Virtual Reality e Guya Paganini, amministratore delegato di MyPass Venezia.

Art Night 2021 rientra nel calendario ufficiale delle celebrazioni per i 1600 anni della città. Sarà “un’esperienza inclusiva e immersiva” come è stata definita in fase di presentazione, che coinvolge le istituzioni culturali pubbliche e private di Venezia con una maratona di eventi gratuiti in oltre 120 siti culturali: musei, teatri, librerie, gallerie.

Si comincia nel pomeriggio, a partire dalle 16.30 con l’inaugurazione nel cortile di Ca’ Foscari e si prosegue fino a notte fonda con mostre, performance teatrali, laboratori, giochi a squadre, concerti e molto altro. L’accesso a tutti gli eventi sarà gratuito ma con prenotazione obbligatoria (ingresso con green pass e mascherina). Si può prenotare dal prossimo 27 settembre direttamente sul sito dell’iniziativa www.artnightvenezia.it, che restituisce una mappa interattiva della città con tutti gli eventi fruibili, oppure sull’app gratuita Mypass Venezia.

A tracciare un quadro d’insieme della manifestazione è stata Silvia Burini: “Venezia vive immersa nella bellezza e nella cultura, che è anche una risposta alle difficoltà del periodo storico che stiamo vivendo. Art Night 2021 sarà un evento all’insegna della sostenibilità, quella umana (sosteniamo la città da cui siamo sostenuti) ma anche ambientale (in un’ottica anti-spreco) e scientifica”. Tra le tante novità di quest’edizione la direttrice scientifica ha accennato agli artisti indipendenti e alle piccole gallerie che per la prima volta hanno scelto di aderire alla notte bianca, alla possibilità di ammirare l’organo a canne appena restaurato della Basilica di San Pietro di Castello, ad una inedita sfida di ballo, nonché all’apertura notturna dei Giardini Reali di Venezia.

Infine, celebra i 1600 anni di Venezia con un approccio innovativo e futuristico, la video installazione “Venezia 3021” realizzata da uno studio di computer grafica bolognese: un cortometraggio della durata di 5 minuti che sintetizza i ‘primi’ 1600 anni del capoluogo lagunare riproponendo, con la tecnica usata per gli effetti speciali del cinema, circa 1000 immagini tra dipinti, fotografie e frame cinematografici, oltre a simulare virtualmente la Venezia del futuro, dell’anno 3021 appunto. Sarà proiettata nel cortile di Ca’ Foscari a partire dalle 19.30 e fino alle 22.30. La video installazione sarà accompagnata da una pubblicazione a tiratura limitata e un’app per la realtà aumentata servirà a completare l’esperienza di realtà virtuale.

x