« Torna indietro

Il professor Vittorio Emanuele Parsi a Vittorio Veneto. «Vulnerabili. Come la pandemia sta cambiando il mondo»

28.9.2021 – Il professor Vittorio Emanuele Parsi, dell’Università Cattolica di Milano, sarà a Vittorio Veneto il prossimo venerdì 1° ottobre, nel quadro degli appuntamenti di Geopolitica, in programma al Museo della Battaglia, i cui incontri di aggiornamento giungono quest’anno alla sesta edizione. Il titolo della serata è senza dubbio di grande interesse: «Vulnerabili. come la pandemia sta cambiando la politica e il mondo».

Come il Covid-19 sta incidendo nella dinamica dei rapporti internazionali? Qual è il suo peso nelle relazioni tra gli stati? Parsi ha affrontato il tema nel suo ultimo libro che sarà oggetto di approfondimento nel corso dell’incontro. L’iniziativa è come sempre organizzata dal Comune di Vittorio Veneto e dal gruppo di studi storici e sociali Historia di Pordenone. A introdurre la serata sarà il Sindaco di Vittorio Veneto, dr. Antonio Miatto.

Coordinatori dell’evento saranno invece il prof. Guglielmo Cevolin, dell’Università di Udine e Pordenone e la prof.ssa Antonella Uliana, Assessore alla Cultura. L’inizio è previsto per le 20.30, presso l’Aula Civica del Museo della Battaglia alla quale si potrà accedere solo se in possesso di green pass e previa prenotazione, da effettuarsi telefonicamente allo 0438 57695.

Dalla presentazione di «Vulnerabili. come la pandemia sta cambiando la politica e il mondo»

«Con il Covid-19 l’umanità si è riscoperta vulnerabile. Ci siamo risvegliati di colpo, sbandati, come una nave senza timone. Quando si è in mare, la sopravvivenza dell’equipaggio è il punto fondamentale per l’efficienza del “sistema-nave”. Al contrario, siamo noi l’anello debole delle catene dell’interdipendenza globale: catene di informazioni, dati, denaro, merci e anche persone. Ma catene pensate per le cose e non per le persone. L’umanità deve sfruttare l’occasione della pandemia per ripensare la sua navigazione e la sua rotta. L’egemonia mondiale americana è al tramonto, oppure la sconfitta di Trump rilancerà gli Stati Uniti? La Cina, da cui si è diffuso il virus, supererà l’Occidente e diventerà il nuovo modello di riferimento? La grande svolta del Recovery fund potrà diventare il volano di una reale trasformazione dell’Unione Europea? Saranno i più deboli a pagare le conseguenze sociali della pandemia, o sapremo rispondere allo shock nel segno dell’equità e della sostenibilità ambientale?»

x