« Torna indietro

La Palma, Cumbre Vieja: ampia eruzione vulcanica (guarda il video)

Cumbre Vieja: la lava raggiunge l’oceano, formando una piramide di fuoco

Siamo sull’isola di La Palma (Canarie): non c’è pace per le conseguenze dell’eruzione del vulcano Cumbre Vieja. Immaginate un’enorme colata di lava, che raggiunge l’oceano formando una piramide di fuoco di più di 50 metri: è quanto è accaduto. Il contatto del magma espulso dal vulcano con l’acqua ha creato uno shock termico. La conseguenza sono consistenti nubi di gas tossici.

Il fenomeno, comunque, si attenua via via. Le autorità hanno parlato chiaro: la popolazione deve barricarsi in casa, con porte e finestre chiuse. Lentamente la lava si è mossa verso il mare: ha ricoperto parte di una strada interurbana costiera, vitale per i trasporti nella zona sud-occidentale di La Palma. Secondo Copernicus, il programma di osservazione della terra dell’Unione europea, le colate del vulcano hanno già distrutto almeno 589 edifici e coperto 258 ettari di terreno (aggiornamento ore 14 e 07).
Il gruppo Marine Geosciences dell’Istituto spagnolo di oceanografia, su Twitter, questa notte ha scritto: “Osserviamo in diretta ai piedi della scogliera costiera l’avanzata della lava, che proviene dal flusso meridionale del vulcano La Palma. Si sta generando un imponente deposito, alto più di 50 metri”

Cumbre Vieja: allarme nel Mediterraneo

La nube di polveri e gas contiene diverse sostanze potenzialmente pericolose: per esempio, il biossido di zolfo. Il punto è che sta attraversando ad alta quota il Mediterraneo. In Sardegna e in Sicilia transiterà la nube a maggiore concentrazione, mentre altre regioni del centro sud saranno soltanto sfiorate dalla coltre. Secondo Copernicus, nei prossimi due giorni la nube sorvolerà la Sardegna e raggiungerà anche la Sicilia, per poi allontanarsi.

x