« Torna indietro

terracina truffe anziani

Truffe agli anziani tra Striano e Carbonara di Nola, 3 arresti in un solo giorno. I consigli delle forze dell’ordine

Sei casi di danni agli anziani negli ultimi 2 mesi.

Continuano senza sosta le truffe agli anziani su tutta Napoli e provincia. Nello stesso giorno sono state arrestate 3 persone per truffa in danno di anziani. Questa volta le 2 truffe sono avvenute a Striano e a Carbonara di Nola.

Striano, 76enne consegna 300 euro e oggetti d’oro per “salvare” il figlio

A Striano alcuni cittadini avevano notato una persona che, da un po’ di tempo, si aggirava nei pressi di via Garibaldi a bordo di uno scooter con targa straniera e l’hanno quindi segnalato ai carabinieri.

La Centrale Operativa della compagnia di Torre Annunziata ha diramato le ricerche ed i carabinieri della locale stazione hanno arrestato per tentata truffa ai danni di anziani M.S., 38enne di Poggioreale, già noto alle forze dell’ordine. L’uomo è stato sorpreso mentre si stava facendo consegnare da un anziano 76enne 300 euro in contanti ed alcuni oggetti d’oro.

I militari dell’Arma hanno ricostruito la vicenda ed hanno accertato che era stata inscenata una richiesta telefonica da parte di un avvocato per conto del figlio della vittima. Servivano dei soldi per coprire le spese di un incidente stradale che il figlio aveva provocato. Una donna incinta era stata investita e suo figlio era ristretto nelle camere di sicurezza della caserma. Naturalmente era tutto inventato di sana pianta. I soldi e i gioielli sono stati restituiti al legittimo proprietario mentre l’arrestato è in attesa di giudizio.

La truffa di Carbonara di Nola

A Carbonara di Nola i carabinieri della locale stazione hanno arrestato per truffa C.G., 64enne del quartiere San Lorenzo e A.N., 39enne di Qualiano. Sono entrambi già noti alle forze dell’ordine. I 2 hanno contattato telefonicamente una 68enne, vedova e pensionata. Si sono fatti consegnare dalla vittima 900 euro in contanti e vari gioielli.

Le avevano fatto credere che quei soldi erano di vitale importanza per il nipote. La donna, da buona nonna, aveva aiutato il nipote ma poi aveva anche capito che era stata vittima di una truffa. La signora ha chiesto aiuto ai carabinieri che si sono messi sulle tracce dei due truffatori. I militari li hanno individuati in via Sansonetto a bordo di un furgone. Bloccati, li hanno perquisiti rinvenendo l’intera refurtiva. Il maltolto è stato restituito alla vittima mentre gli arrestati sono in attesa di giudizio.

Continua la campagna di sensibilizzazione dei carabinieri: ecco cosa fare per difendersi dalle truffe

Purtroppo sono tantissimi i casi di truffe a danno degli anziani registrate in questi ultimi mesi. Una delle ultime si è verificata a Boscoreale, dove una finta postina ha sottratto ad un’anziana 2.500 euro. Alcune fortunatamente vengono sventate, ma tante altre restano impunite.

Il fenomeno delle truffe ai danni degli anziani è da sempre al centro dell’attenzione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli, in prima linea nel contrasto ad un reato odioso che colpisce la fascia più fragile della popolazione. Un impegno costante che ha portato negli ultimi mesi a diversi arresti. Tutte avevano ingannato le proprie vittime prospettando loro scenari che li hanno indotti a sborsare migliaia di euro.

Ed è proprio per sensibilizzare gli anziani e le loro famiglie che il Comando Provinciale di Napoli tiene a rimarcare dei fondamentali concetti e poche regole efficaci per sventare l’attività maliziosa dei truffatori: “Non aprire agli sconosciuti”, “Se hai dubbi chiama il 112 o la Stazione Carabinieri con telefono diverso da quello dove hai ricevuto la chiamata sospetta ”, “Non mandare bambini ad aprire la porta” e “Non fornire i tuoi dati bancari”.

x