« Torna indietro

Val di Susa: un Distretto del Cibo con Valli Sangone, Chisone e Germanasca

Fare squadra è essenziale: questo il messaggio che è risuonato questo pomeriggio, domenica 10 ottobre, dal palco di una delle sagre d’eccellenza del panorama valsusino: la Fiera della Toma di Condove. Un annuncio che in questo contesto ha una doppia valenza, una legata più ai prodotti tipici, l’altra più al commercio, ma entrambe aventi come elemento determinante il territorio e le sue eccellenze.

In questo senso, l’Unione Montana Valle Susa andrà a costituire, con Unione Montana Alta Valle Susa, Unione Montana Comuni Olimpici Via Lattea, Unione dei Comuni Montani Val Sangone, Unione Montana Valli Chisone e Germanasca, il Distretto del Cibo. Un’opportunità, recentemente istituita da Regione Piemonte, che permetterà di espandere ed implementare il discorso di promozione dei prodotti tipici già avviato con Gusto Valsusa, andando a lavorare in sinergia con i territori confinanti.

I commenti dell’Unione Montana Valle Susa

Ha spiegato l’assessore ai Prodotti Tipici Luca Giai“Si tratta di un progetto che valorizzerà non solo le produzioni tipiche locali, ma anche l’intero territorio di cui sono protagoniste. Le diverse Unioni credono in questa iniziativa e sono pronte a lavorare insieme, partendo da iniziative come la promozione reciproca dei prodotti e la creazioni di eventi secondo un calendario che eviti sovrapposizioni. Ci troveremo già questo autunno per definire i dettagli, in modo da partire ufficialmente con il distretto già all’inizio del 2022”.

La presentazione del distretto del cibo alla fiera della Toma di Condove

Vogliamo dare valore al territorio e ai grandi sforzi dei produttori che, su di esso, lavorano con sacrificio per portare avanti quei prodotti di qualità che finiscono sulle nostra tavole”, ha aggiunto l’assessore all’Agricoltura Osvaldo Vair. “Nessuno è un’isola: queste fiere, e il passaparola che in esse si crea, costituiscono il primo e fondamentale elemento di promozione del prodotto tipico e di chi lo realizza”.

Un distretto del commercio per la Bassa Val di Susa

E anche il commercio locale gioca un ruolo importante. Per questo è di rilievo la vittoria di 6 Comuni della Bassa Valle (Caprie, Chiusa di San Michele, Condove, Sant’Ambrogio, Sant’Antonino, Vaie) nel bando regionale sul distretto del commercio. Questi amministratori hanno lanciato un messaggio: è importante lavorare in sinergia, fare rete per alzare la qualità dell’offerta e creare politiche condivise che incentivino la distribuzione di attività di qualità sul territorio.

Leggi anche: TORINO, MOLINETTE: I TRAPIANTI DI POLMONE SUPERANO QUOTA 400

x