« Torna indietro

Al via anche a San Donà le domeniche ecologiche

12.10.2021 Un nuovo impegno per la riduzione dell’inquinamento dell’aria: da domenica 17 ottobre anche a San Donà di Piave arrivano le domeniche ecologiche.

Sono infatti già entrate in vigore da lunedì 11 ottobre nel Comune le misure antinquinamento per la tutela della salute, valide fino al 30 aprile 2022, con sospensione dal 19 dicembre 2021 al 6 gennaio 2022 compresi (per tutti i livelli di allerta). Le misure riguardano la circolazione dei veicoli più inquinanti, gli abbruciamenti all’aperto, ma anche la qualità degli impianti di riscaldamento adottati (per le stufe, ad esempio, il numero di stelle) e le temperature massime consentite. Misure congiunte che fanno parte dell’“Accordo del Bacino Padano per il miglioramento della qualità dell’aria”, che tutte le Regioni coinvolte sono tenute a rispettare. Per il terzo anno, queste restrizioni sono uniformate per tutti i capoluoghi di provincia e le città sopra i 30.000 abitanti della Regione Veneto, grazie a un lavoro di condivisione e collaborazione che porterà ad armonizzare le misure per tutte le aree interessate.

A questo si aggiungerà l’impegno mensile per le “domeniche ecologiche”, provvedimento che rientra nello stesso Accordo: si tratta di una giornata al mese, nella medesima giornata per tutti i Comuni interessati della Città Metropolitana, in cui l’area centrale della città vede uno stop totale al traffico, fatte salve le deroghe previste (ad esempio veicoli a gpl, gas metano, elettrici o ibridi; autobus, taxi, veicoli per portatori di handicap e vari servizi pubblici).

A San Donà, come in tante altre città, le domeniche ecologiche del 2021 si svolgeranno nelle giornate del 17 ottobre, 21 novembre e 26 dicembre; i veicoli saranno fermi dalle 8.30 alle 18.30. Lo stop vale per la zona del centro città, come da planimetria allegata. Le domeniche ecologiche continueranno fino al mese di aprile 2022, possibilmente secondo un programma omogeneo per tutti i Comuni interessati.

“Il perimetro interessato alle limitazioni è stato pensato attorno a un raggio di circa 1 km al massimo dal centro e in maniera da poter comunque raggiungere i punti maggiormente utili (ad esempio l’ospedale, il centro vaccinazioni, il cimitero e le chiese con l’eccezione di quelle più centrali). Le domeniche ecologiche possono rappresentare non solo uno strumento per abbassare i livelli di inquinamento nell’area, ma anche un momento per riscoprire un modo nuovo di vivere la città e il tempo libero, magari spostandosi a piedi o in bicicletta oppure utilizzando i mezzi pubblici. Vorrei concludere invitando anche a ricordarci dell’inquinamento derivante dalla combustione e in generale dal riscaldamento: un grado in meno in casa, o il passaggio a forme meno inquinanti, fa davvero la differenza in termini di emissioni” spiega Lorena Marin, Assessore a Energia e Ambiente.

“Questi strumenti contribuiscono a ridurre i livelli di inquinamento sotto la soglia di pericolo per la salute; nonostante il grande impegno, molto rimane da fare, soprattutto considerando che la nostra città è geograficamente collocata in una delle aree più inquinate d’Europa, ovvero il Bacino Padano. Penso che queste giornate possano diventare anche occasioni per provare a scoprire, con mezzi sostenibili, il nostro territorio, con le bellezze che offre. Continuiamo quindi a dare il nostro contributo per l’ambiente, aderendo alle indicazioni dell’Accordo” conclude il Sindaco Andrea Cereser.

x