« Torna indietro

A Piombino la prima scuola di architettura per bambini in Italia

Venerdì 15 ottobre alle 16 la presentazione al Parco archeologico di Baratti

Apre anche a Piombino la Scuola di Architettura per Bambini, la prima in Italia, la seconda al mondo, specializzata in attività educative legate all’urbanistica, all’architettura, all’ambiente, all’arte, al design, all’agricoltura urbana, all’educazione alimentare, alla costruzione di comunità.


SOU nasce a Favara (AG), all’interno di Farm cultural park, uno dei centri culturali indipendenti più influenti nel mondo culturale contemporaneo e arriva a Piombino grazie all’associazione B.A.Co. Archivio Vittorio Giorgini. Il progetto vede la partecipazione del Comune di Piombino, della Parchi Val di Cornia, dell’Ordine degli Architetti della provincia di Livorno e il supporto di Unicoop Tirreno e di CAME Project.


“Si tratta – spiega Marco Del Francia, Presidente di B.A.Co. – di un progetto spin off della SOU – School of Architecture for Children, nato nel 2019 dall’esigenza di espandere il metodo di SOU anche ad altre realtà urbane: SOUx a domicilio affronta temi riguardanti la rigenerazione urbana partecipata e, attraverso il gioco organizzato in laboratori didattici settimanali, consente ai piccoli cittadini di effettuare molteplici esperienze e di apprendere nuovi modi di vedere e di pensare la città, l’ambiente, il territorio in cui vivono”. 

Una proposta progettuale accolta con favore dal Comune di Piombino.
“È un’attività educativa dopo scuola – dichiara l’assessore all’Istruzione Simona Cresci – che, attraverso gli strumenti forniti dalle discipline dell’architettura, dell’urbanistica e del design, stimola la riflessione, la progettazione e l’azione per il miglioramento della società. Ma vuole anche promuovere ed educare ai valori della partecipazione, della solidarietà, della tolleranza, dell’impegno sociale, dell’ecologia, del rispetto e della cura dei beni comuni.”


Gli spazi per le lezioni e i laboratori sono messi a disposizione dalla Parchi Val di Cornia per un progetto condiviso che vede l’archeologia tra le materie d’insegnamento.


“Mettiamo con piacere a disposizione della SOUx le competenze professionali e gli spazi del Parco archeologico di Baratti e Populonia e l’aula didattica del Museo archeologico del territorio di Populonia – dichiara Mauro Tognoli, AD Parchi Val di Cornia – quali spazi ideali per abituare i bambini al senso e al valore della storia, alla libertà del pensiero, stimolandoli al desiderio di rendere possibile la creatività e il rapporto con il passato e con il patrimonio culturale”. 

La SOUx è strutturata come un vero anno accademico per bambine e bambini in un’età compresa tra i 7 e i 12 anni e prevede lo svolgimento di una lezione settimanale da ottobre a maggio, ma anche uscite guidate nel territorio. Saranno coinvolti docenti di varie discipline che si ibrideranno attorno a un tema progettuale di recupero/rigenerazione di uno spazio pubblico, condiviso con l’Amministrazione comunale.

Un atto concreto e tangibile per dare un senso ai bambini di quello che hanno imparato e progettato, a servizio della comunità, stimolandoli al desiderio di rendere possibile l’impossibile e di realizzare i propri sogni.


La presentazione è fissata per venerdì 15 ottobre alle 16 al Centro visite del Parco archeologico di Baratti e Populonia.
Info: info@archiviovittoriogiorgini.it

x