« Torna indietro

movida violenta

Movida violenta, Giovanni Grasso: “Subiamo la Prefettura”. I residenti: “I vigili si voltano”

Sempre più spinoso il caso “movida violenta” a Catania.

Oggi pomeriggio i rappresentanti dei residenti del Centro Storico e delle vie mortificate dall’assoluta mancanza del rispetto delle regole commessa da alcuni esercenti e dai frequentatori hanno animato l’incontro organizzato nella sala consiliare del Comune di Catania da Manfredi Zammataro, presidente della decima Commissione Permanente Urbanistica e Gestione del Territorio, al quale hanno partecipato anche i consiglieri Giuseppe Gelsomino e Giovanni Grasso, sul tema “Movida violenta e fuochi d’artificio. Piano di Rilancio del Centro Storico”.

movida violenta

Un confronto senza sconti.

I residenti, costretti a riunirsi in associazioni e comitati per fare sentire la loro voce (hanno partecipato Salvatore Cannata, del Comitato Cittadino Bellini, Piero Castronuovo, dell’Associazione Centro Storico, Irene Raineri, del Comitato Gemmellaro/Sciuti e Raffaele Zappalà, del Comitato dell’Indirizzo, insieme con altri che hanno voluto essere presenti per offrire le loro testimonianze) hanno per l’ennesima volta elencato tutte le problematiche che li affliggono.

LEGGI ANCHE: MOVIDA CATANIA, L’ANSIA DEI RESIDENTI: “NON SIAMO ESAGERATI, VI SPIEGHIAMO PERCHÉ”

Un confronto schietto, che ha fatto emergere anche l’umore di chi è stato chiamato a rappresentare i cittadini all’interno dell’amministrazione comunale.

Giovanni Grasso ha manifestato la sua stizza per quel che i consiglieri comunali cercano di fare e non viene divulgato “dai giornali. I giornali ne hanno parlato…?”. Ma è nei confronti del Prefetto Maria Carmela Librizzi che il suo attacco/giustificazione si rivolge con durezza: “Per quanto riguarda i problemi legati alla sicurezza, gli unici responsabili sono la Prefetta e il Ministero dell’Interno e non il sindaco Salvo Pogliese. Il sindaco e noi consiglieri subiamo quel che decide la prefettura. Abbiamo chiesto una cabina di regia e vorremmo che ne faceste parte anche voi residenti”.

“Dovremmo avere 300 vigili urbani e ne abbiamo in servizio solo 80, con l’età media di 58 anni, ma i conferimenti dal Nord non arrivano”, accusa alzando il tono.

“Esattamente sono 600 i vigili urbani su cui Catania dovrebbe contare – lo corregge Gelsomino – Non lo specifico per trovare giustificazioni, ma per aiutarci a capire la situazione”.

No, non si può capire e giustificare, replica con pacatezza un residente e gestore di un albergo “per amore della città dove ho deciso di vivere e investire”. “E’ vero che i vigili urbani sono pochi – denuncia – Il problema non è la mancanza di regole, che ci sono eccome, ma il non farle rispettare. Gran parte dei vigili si girano dall’altra parte”.

E un altro residente rivela: “Ormai siamo alle aggressioni a chi abita nelle zone della movida. Ci sono denunce in corso per percosse e minacce. E per un’ambulanza o un mezzo di soccorso è diventato impossibile attraversare alcune vie”.

“Ma i giornali lo hanno scritto? – è la fissa di Grasso, che assicura – Il nostro obiettivo è la pedonalizzazione di vaste aree, così come abbiamo già sperimentato con successo nella zona del Castello Ursino”.

Non finisce qui. I consiglieri hanno promesso che fra dieci giorni sarà organizzato un altro incontro, questa volta con la presenza del comandante dei vigili urbani.

x