« Torna indietro

Palermo, “Piazza Bausch” è il progetto di riqualificazione dei cantieri culturali alla Zisa

Un progetto di innovazione sociale e di rigenerazione urbana dei Cantieri culturali alla Zisa di Palermo si è posizionato al primo posto della graduatoria della terza edizione del Premio “Creative Living Lab”, promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura, per il sostegno di progetti multidisciplinari e di innovazione sociale, che abbiano come obiettivo la creazione e la riqualificazione degli spazi di prossimità all’interno delle aree residenziali.

Il progetto si chiama “Piazza Bausch“, in onore della grande coreografa che è stata ospite tante volte della nostra città e che ha dedicato un memorabile spettacolo a Palermo.

L’idea è nata da CLAC ETS – Palermo e ha ricevuto il sostegno dell’Assessorato alle Culture e dell’Assessorato alla Pianificazione Urbanistica e all’Ambiente. Ha ottenuto un punteggio elevato (98/100) rispettando tutti i criteri individuati dall’avviso (qualità, originalità, innovatività alla multidisciplinarietà, capacità di coinvolgere le comunità e di generare redditività sociale) con l’obiettivo inclusivo di garantire l’accesso e la fruizione degli ambienti dei Cantieri Culturali alla Zisa agli abitanti dei quartieri Zisa-Noce; contribuire ad aprire nuovi spazi di prossimità open-air, utili ad accogliere in sicurezza e in condizioni favorevoli individui e comunità; creare occasioni per costruire relazioni, confronto e integrazione.

Con un processo sperimentale di rigenerazione urbana e umana volto all’apertura di Piazza Bausch agli abitanti dei quartieri limitrofi, il progetto intende attivare un percorso virtuoso di progettazione condivisa di spazi, che possano diventare luogo di incontro, apprendimento, condivisione e arricchimento a disposizione delle scuole, delle diverse organizzazioni del territorio e dei singoli.

I cantieri culturali alla Zisa – afferma il sindaco di Palermo Leoluca Orlandosi arricchiscono con un ulteriore progetto di riqualificazione urbana e di rigenerazione sociale di grande innovazione. Il progetto è significativamente collegato al nome e all’amore per Palermo di Pina Bausch che con il suo spettacolo ‘Palermo Palermo’ ha annunciato e accompagnato la caduta di muri e delle appartenenze che soffocavano anche la nostra Città“.

x