« Torna indietro

Volante della Polizia

Novara: molesta barista, poi tira molotov contro il locale

Molesta la titolare di un bar, ma non vedendosi ricambiate le attenzioni, scaglia una bottiglia incendiaria contro il locale. Il fatto è successo in Piemonte, a Novara.

Le indagini dalla Polizia hanno portato ora all’arresto dell’uomo, un 46enne residente a Sant’Agabio.

Le molestie

La Polizia, nel corso delle indagini, è riuscita a ricostruire la dinamica che ha portato all’incendio dell’attività. Già dall’estate scorsa, in particolare da luglio 2020, il 46enne aveva iniziato a recarsi spesso al bar di corso Trieste, molestando e minacciando la proprietaria. Molestie prese molto sul serio dalla donna, che aveva iniziato a farsi accompagnare da amici sia all’apertura, che alla chiusura del locale, per il timore di venire aggredita.

L’uomo, non vedendo più possibilità di avvicinarsi, ha quindi pensato di dar fuoco al locale della donna, scagliando una bottiglia incendiaria contro la serranda.

Le indagini della Polizia di Novara e l’arresto

Proprio dalla serranda bruciata sono partite le indagini della polizia di Novara. Gli uomini della squadra mobile hanno subito iniziato con il visionare le immagini delle telecamere, da cui è riuscita ad identificare un uomo, inquadrato mentre lanciava la bottiglia incendiaria.

Le prove sono diventate schiaccianti in seguito alla perquisizione effettuata a casa dell’uomo, un 46enne che viveva in zona Sant’Agabio con i genitori, dove gli agenti hanno rinvenuto materiali ed altri elementi che provano l’effettiva realizzazione della molotov.

Date le prove raccolte, il gip del tribunale di Novara ha emesso, a carico del 46enne, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per danneggiamento seguito da incendio, atti persecutori e detenzione e porto in luogo pubblico di un ordigno incendiario. 

Leggi anche: CARMAGNOLA, GUIDA MENTRE È IN DIRETTA FACEBOOK E SI SCHIANTA

x