« Torna indietro

palazzo dal pozzo cisterna

Torino, domani si presenta il libro sul monastero di San Giacomo di Stura

Verrà presentato giovedì 4 novembre alle ore 18,00 a Palazzo dal Pozzo della Cisterna, sede aulica della Città metropolitana di Torino, il libro di Roberto Rossi Precerutti “San Giacomo di Stura – Un monastero medievale alle porte di Torino” pubblicato da Neos Edizioni.

Un libro per scoprire un momento importante del Medioevo torinese attraverso le vicende del monastero vallombrosano. Sorto verso la metà del XII secolo (1146), il monastero vallombrosano di San Giacomo di Stura è uno dei fondamentali monumenti storico-artistici della civiltà medievale torinese. La fondazione religiosa ha svolto, nel periodo di massima fioritura, una funzione essenziale di assistenza a poveri, pellegrini e viandanti in un’area attraversata da una diramazione della via Francigena, rivelando una chiara vocazione stradale e costituendo un’interlocuzione importante, soprattutto dal punto di vista sociale, sia con il vescovo e il comune, sia con le realtà signorili del contado e le dinastie dei Savoia e dei Monferrato. Oggi, purtroppo, le vestigia dell’abbazia, collocate presso una strada di grande scorrimento che unisce Torino a Settimo, versano in stato di abbandono nonostante l’inizio di alcuni lavori di restauro e non sono visitabili.

presentazione libro san giacomo di stura

Il volume è corredato da una ricca serie di tavole di Emilia Mirisola che vogliono ricostruire la suggestione del monastero nel suo periodo di splendore. L’introduzione è di Davide Belgradi.

Roberto Rossi Precerutti

Poeta, saggista e traduttore, Roberto Rossi Precerutti è nato a Torino nel 1953 da famiglia piemontese di antica origine, i Rossi dalla Manta, al cui ramo fiorentino appartenne Ernesto Rossi, illustre antifascista propugnatore del federalismo europeo. Laureatosi in Lettere moderne presso l’Ateneo subalpino con una tesi di Istituzioni medievali dedicata a San Giacomo di Stura (relatore Giuseppe Sergi), ha pubblicato gran parte della sua produzione poetica presso gli editori Crocetti (Rimarrà El Greco, 2015), Aragno (Un impavido sonno, 2019) e Neos (Il sogno del cavaliere, 2021). Più volte finalista al Premio Viareggio-Poesia, gli sono stati conferiti prestigiosi riconoscimenti quali i Premi Lorenzo Montano (2001), Mondello (2006), Val di Comino (2009), Il Meleto di Guido Gozzano (2021).

Leggi anche: COVID, PIEMONTE: FOCOLAI IN CALO NELLE SCUOLE

x