« Torna indietro

A Venezia la prima edizione di Officina Risorse Umane

25.10.2021 – Otto tavoli di confronto in una due giorni di dibattiti per sviluppare proposte concrete e attuabili da presentare al Ministero del Lavoro e ad altri referenti istituzionali. È l’obiettivo che si è posto Oru (Officina risorse umane), primo appuntamento di questo tipo organizzato in Italia, tenuto a battesimo a Venezia, nella cornice del Molino Stucky alla Giudecca. All’apertura della due giorni, che si è chiusa ieri 24 ottobre, è intervenuto l’assessore alla Coesione sociale del Comune di Venezia Simone Venturini. Presente anche l’assessore regionale a Lavoro e Formazione Elena Donazzan.

“Grazie per aver scelto Venezia e questo contesto per organizzare una iniziativa importante, che si focalizza su tematiche troppo spesso poco considerate dal dibattito generale”, ha affermato l’assessore Venturini, salutando e ringraziando anche Donazzan per la presenza. È doveroso parlare oggi di capitale umano, di formazione del personale e in generale nel mondo della scuola, perché spesso anche la politica è su altro. Ci si focalizza sulle pensioni e si parla poco di chi sta invece lavorando, si guarda molto agli ammortizzatori sociali e meno a chi invece fa funzionare bene un’azienda e a come cercare di aiutarlo per farla andare meglio. L’agenda non è dettata dal mondo produttivo e anche la tematica del lavoro è spesso prerogativa solo di alcuni attori, come il mondo sindacale o accademico e meno dei piccoli e medi imprenditori che sono la spina dorsale del nostro Paese”.

Oru è organizzata da HR link e Stati Generali del Mondo del Lavoro, piattaforme che lavorano in sinergia con imprese, start up e aziende. Dal summit di Venezia, hanno spiegato gli organizzatori, scaturiranno otto documenti, uno per ogni tavolo, coinvolgendo “i più qualificati interlocutori in materia, con l’impegno di individuare insieme soluzioni da presentare in tempi rapidi ai policy makers che hanno la responsabilità di metterle a terra”. La necessità, hanno sottolineato, è quella di porre le basi di una piattaforma di proposte che assuma la centralità del capitale umano nei radicali processi di cambiamento in atto nel mondo delle imprese e delle organizzazioni.

Durante il summit sono intervenuti, tra gli altri, Stefano Rossi di Hr link e Stefano Barberis di Stati Generali del Mondo del Lavoro, Francesco Rotondi, direttore di Oru; Franco Bottoni, presidente Inail; Matilde Marandola, presidente Aidp, Associazione Italiana per la Direzione del Personale e, in collegamento da remoto, l’ex ministro e professoressa Elsa Fornero.

“E’ una bella coincidenza il fatto che abbiate scelto Venezia per Oru nell’anniversario dei suoi 1600 anni e nello stesso 2021 in cui si celebrano i 450 anni dalla battaglia di Lepanto”, ha proseguito l’assessore Venturini. “Proprio quest’ultima, apparentemente lontana dalle tematiche in discussione qui, porta alla mente che in mare quel conflitto è stato vinto grazie anche alla capacità della flotta cristiana di rifornirsi velocemente delle navi in arrivo dall’Arsenale di Venezia. Una struttura che funzionava grazie alla tecnica che ha precorso di secoli il modello fordista, con un’eccellente organizzazione degli uomini a disposizione. Parlare dunque di capitale umano e della sua valorizzazione è molto importante. E farlo qui acquista un significato peculiare – ha concluso Venturini – anche alla luce di questo collegamento storico”.

x