« Torna indietro

riproduttiva

Abusi sessuali su otto pazienti durante le visite, chiesto il processo per ortopedico salentino

Pubblicato il 12 Aprile, 2022

Si trova agli arresti domiciliari da circa cinque mesi con l’accusa di abusi sessuali verso alcune pazienti (almeno otto lo avrebbero denunciato) durante alcune apparentemente normali visite che svolgeva nella sua clinica privata di Casarano. I guai sembrano non essere finiti per Sergio Cosi, 66enne ortopedico di Tricase per cui nelle ultime ore è stato chiesto il rinvio a giudizio. L’udienza preliminare dinanzi al Gup Giulia Proto è in programma per giovedì 5 maggio prossimo. L’imputato è difeso dagli avvocati Luigi Covella e Stefano Bortone che potranno avanzare richiesta di rito alternativo. All’interrogatorio di garanzia il medico si è avvalso della facoltà di non rispondere per i fatti che sarebbero avvenuti tra il gennaio ed il settembre 2021.

Abusi sessuali su otto pazienti, i fatti

Como

Dopo i presunti abusi sessuali l’accusa da cui si dovrà difendere è di violenza sessuale aggravata. Il modus operandi secondo l’accusa era sempre lo stesso. L’ortopedico faceva stendere sul proprio lettino le proprie pazienti e, poi, con la scusa di cure che potevano farle sentire meglio, le applicava dei massaggi intimi, e non solo. La mattina del 25 novembre scorso, quindi, per il medico sono scattati gli arresti domiciliari su disposizione del Gip del Tribunale di Lecce. Ad eseguire il provvedimento furono i Carabinieri della Compagnia di Casarano al culmine di un’indagine durata 5 mesi. All’inizio dell’attività d’indagine le vittime accertate furono 5, poi salite a 8. Gli abusi sessuali si sarebbero consumati nella stanza della clinica privata di Casarano in cui il professionista lavorava. Una delle vittime degli abusi sessuali ha raccontato ai militari che il professionista spruzzò una sostanza spray in grado di stordirla mentre si stava sottoponendo ad una visita specialistica. Lo stesso medico è accusato anche di lesioni personali aggravate. A seguito delle sue manipolazioni, infatti, avrebbe provocato, durante una visita ad una paziente, una cervicalgia con prognosi di 7 giorni. La stessa donna, che ha rilasciato questa testimonianza, è una delle vittime degli abusi sessuali di cui è accusato il medico.