« Torna indietro

In foto: Daniele Stecco, assessore al Bilancio e ai Tributi Comune di Chioggia

Acconto IMU 2020: Chioggia verso la proroga al 30 settembre

La Giunta Comunale di Chioggia propone al Consiglio, che verrà convocato dal Presidente del Consiglio Endri Bullo per i prossimi giorni, di approvare il provvedimento finalizzato a permettere il versamento dell’acconto IMU entro il 30 settembre 2020 senza sanzioni ed interessi.

Pubblicato il 12 Giugno, 2020

La Giunta Comunale di Chioggia propone al Consiglio, che verrà convocato dal Presidente del Consiglio Endri Bullo per i prossimi giorni, di approvare il provvedimento finalizzato a permettere il versamento dell’acconto IMU entro il 30 settembre 2020 senza sanzioni ed interessi.

«Manteniamo la scadenza del 16 giugno per il versamento della prima rata dell’IMU 2020 – spiega l’assessore al Bilancio e ai Tributi  Daniele Stecco – ma, al contempo, vogliamo dare la possibilità ai contribuenti in difficoltà economiche a causa della pandemia da Covid-19 di pagare entro il 30 settembre 2020, senza l’applicazione di sanzioni e interessi».

Le difficoltà economiche andranno attestate all’Ufficio Tributi dell’Ente entro il 31 ottobre 2020, a pena di decadenza del beneficio, su modello che verrà allegato al provvedimento. Rimarrà invece invariata al 16 giugno 2020 la scadenza per la quota IMU a favore dello Stato (fabbricati Cat. D) salvo differimento del termine con norma statale.

Si comunica inoltre che con l’articolo 177 del Decreto Rilancio, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 19 maggio 2020, vengono esentate dal versamento della prima rata IMU 2020 gli immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi e simili e poi alberghi, agriturismo, affittacamere, appartamenti per vacanze, ecc. a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

Si precisa che, alla data odierna, il Comune di Chioggia non ha ancora approvato la delibera relativa alle aliquote IMU 2020. Ai sensi dell’art.138 del D.L. n. 34 del 19 maggio 2020, che ha abrogato il comma 779 della L. 160/2019, per l’anno 2020 i comuni possono approvare le delibere concernenti le aliquote entro il 31 luglio 2020 (termine per l’approvazione del bilancio di previsione 2020).
In sede di prima applicazione della nuova IMU, la prima rata dell’anno 2020 da corrispondere è pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU per l’anno 2019.
Il versamento della rata a saldo dell’imposta dovuta per l’intero anno è eseguito, a conguaglio, sulla base delle aliquote che saranno a breve deliberate dal Comune per l’anno 2020.

Skip to content