« Torna indietro

Alessia Sbal

Alessia Sbal, gli ultimi istanti della donna travolta dal Tir in un audio: “E’ stata schiacciata senza pietà”

Pubblicato il 9 Dicembre, 2022

“C’è una donna a terra investita da un Tir”.

Una lite di un minuto. Poi altri quattro prima della segnalazione di un’automobilista

La tragica fine di Alessia Sbal sul Raccordo anulare, fra le 20.39 e le 20.43 del 4 dicembre scorso: decisivi i file audio del 112, ora nella relazione inviata al pm Stefano Luciani.

“Ma non ti ho fatto niente, ci siamo appena toccati. Io me ne vado”, dice Flavio Focassati quella sera, così come ricostruisce il Corriere.. Davanti a lui c’è Alessia che lo ha appena costretto ad accostare sulla corsia di emergenza con il suo camion, dopo che ha urtato la sua Panda passando dalla corsia sinistra a quella centrale della carreggiata interna nei pressi dello svincolo per Casalotti.

L’uomo è stato fermato, e l’arresto confermato dal gip, con l’unica accusa di fuga e non anche di omicidio stradale, perché non sono ancora certe le sue eventuali responsabilità nell’investimento.

L’estetista di 42 anni è stata travolta e uccisa dal mezzo pesante che ripartiva proprio dalla corsia di emergenza dopo un litigio fra i due conducenti contenuto nelle registrazioni audio acquisite agli atti. 

“Mia figlia Alessia Sbal è stata investita dopo essere stata speronata da un tir e scendendo dalla sua macchina per mettersi al sicuro e stata schiacciata senza pietà. Il guidatore è scappato senza curarsi di lei. L’accaduto è successo domenica tra le 20.34 e le 20.50. Aveva allertato il 112 ma non è servito a salvarla. Aveva una fiat panda grigia e cerchiamo testimoni. Prego chiunque passasse nel tratto carreggiata interna km 22,600 Aurelia Boccea e avesse visto o notato un tir e una fiat grigia ferma nella piazzola d emergenza mi contatti. Vi prego di aiutarci anche condividendo”, è il drammatico appello della madre Tina Angiolini.

La vittima si trovava al telefono con il centralino del 112 – ci era già stata poco prima per 23 secondi segnalando “Mi hanno tamponata” – e ci è rimasta per circa un minuto prima di essere investita.

Erano le 20.39. È stata travolta di proposito, come sostiene la famiglia disperata? Oppure anche quello è stato un incidente? Quest’ultima versione è quella del conducente del tir che si trova ai domiciliari. Per contestargli l’omicidio stradale bisogna ricostruire una sua colpa nel ripartire senza la necessaria cautela. L’altra ipotesi è che la vittima si sia messa in una posizione pericolosa e non visibile davanti al tir. 

Per la prima volta la registrazione audio dimostra comunque che il camionista è sceso dal veicolo così come ha fatto Alessia che aveva indossato anche il fratino catarifrangente per farsi vedere al buio dai veicoli che sopraggiungevano.

I due si sono fermati per constatare i danni e nel loro breve dialogo, più un battibecco che altro, il 47enne di Rieti appare piuttosto nervoso e ribatte alle contestazioni della donna che nel frattempo si trova al telefono con l’operatore del 112 – un civile non un appartenente alle forze dell’ordine – per chiedere assistenza e l’intervento di una pattuglia della polizia stradale.

Cosa che comunque è stata intanto fatta in automatico dalla centrale del 112.

“Guarda che hai fatto”, gli dice trovando dall’altra parte però una persona che vuole soltanto andare via subito da quel posto. Ed effettivamente lo fa perché dopo aver manifestato alla 42enne l’intenzione di ripartire nell’audio si sente sempre Alessia che grida “Se ne sta andando! Fermati, fermati!”. 

Poi più nulla. A questo punto bisogna capire se quelle ultime parole siano legate alla paura di essere investita oppure a un estremo tentativo della vittima di impedire la ripartenza del camion senza aver accertato i danni.

Secondo chi indaga al momento non ci sarebbero elementi che avvalorino la volontarietà: la vittima è stata colpita dal mezzo pesante proprio nell’angolo cieco del veicolo ovvero quello centrale-posteriore destro: ricostruzione che potrebbe essere attendibile nell’ipotesi plausibile che il tir abbia sorpassato la Panda ferma sulla corsia di emergenza e quindi anche Alessia.

Le successive telefonate al 118, almeno una decina, a cominciare dalle 20.43, quattro minuti dopo la chiamata di Alessia, tre dopo la fine della lite, da parte di automobilisti che hanno assistito a questa parte della drammatica scena testimonierebbero il fatto che non ci sono altri camion coinvolti nella vicenda. Anzi qualcuno che si trovava al volante in quel momento avrebbe anche inseguito per alcuni chilometri il tir investitore, fino a quando è stato fermato dalla polizia stradale.

Il conducente avrebbe fornito in un primo momento la versione di non essersi accorto della donna a causa del maltempo. Quell’audio smentisce però la sua ricostruzione.

Skip to content