« Torna indietro

Dona il rene al suo amico d’infanzia: la storia di Giorgio e Renato

Giorgio e Renato sono amici sin dai primi anni di vita e uno ha salvato la vita all’altro.

Pubblicato il 5 Agosto, 2022

Un’amicizia che va avanti sin dai primi anni di vita e la decisione di donare un rene da parte dell’uno nei confronti dell’altro.

L’amicizia che dura dagli anni ’50

Protagonisti di questa storia sono Giorgio Medici e Renato Bisello, amici sin dagli anni ’50 con le interminabili partite a pallone in via Raffaello Sanzio a Padova. Un viaggio insieme in Olanda, il trasferimento a Rotterdam per Giorgio, due matrimoni e bellissimi figli fino a quando nel 2020 le condizioni di salute di Giorgio peggiorano per via di una malattia renale, il che rende necessario il trapianto di organo. Così Renato a 69 anni ha deciso di donare il suo rene sano all’amico di infanzia, cosa divenuta effettiva nell’ottobre del 2021 al Centro Trapianti Rene di Rotterdam, dove è stato espiantato l’organo sano Renato per essere trapiantato nel corpo di Giorgio. Al Gazzettino i due hanno detto: “Ci siamo fatti il regalo più grande: poter ancora stare assieme e goderci la vita accanto alle nostre famiglie”.

Il momento degli interventi

Lo stesso Giorgio ha raccontato come prima del trapianto, avvenuto il 7 ottobre del 2021, la situazione fosse ormai critica e come Renato sia stato giudicato idoneo all’espianto. Dopo gli interventi Giorgio è stato dimesso dopo una settimana e Renato dopo tre giorni. La felicità è stata immensa e adesso i due amici vivono una vita normale, Renato a Padova e Giorgio in Olanda, ma qualche giorno fa hanno passato una giornata insieme a Padova per festeggiare l’estate e pranzare insieme. La loro storia è servita per sensibilizzare riguardo alla donazione di organi.