« Torna indietro

Anziana va in coma, vittima della badante

La donna è ora fuori pericolo di vita. Il fatto risale a giugno scorso quando fu ricoverata d’urgenza al policlinico Gemelli di Roma in stato di coma. I motivi che l’hanno messa in pericolo sono però stati sottoposti ad una minuziosa indagine dei carabinieri di Casalotti che hanno portato alla scoperta di mesi di abusi consumati dalla badante 60enne della anziana.

Pubblicato il 25 Marzo, 2021

La donna è ora fuori pericolo di vita. Il fatto risale a giugno scorso quando fu ricoverata d’urgenza al policlinico Gemelli di Roma in stato di coma. I motivi che l’hanno messa in pericolo sono però stati sottoposti ad una minuziosa indagine dei carabinieri di Casalotti che hanno portato alla scoperta di mesi di abusi consumati dalla badante 60enne della anziana. 

La donna, romana, ha approfittato del suo ruolo di badante per somministrare, “in modo del tutto arbitrario, senza alcuna indicazione medica e all’oscuro dei familiari della vittima”, spiegano gli inquirenti,  massicce dosi di tranquillanti all’anziana di 89 anni, che avrebbe dovuto accudire, provocandole un grave stato comatoso con insufficienza respiratoria e il conseguente ricovero urgente in ospedale.

L’indagine è partita dopo la denuncia della figlia della vittima, sporta ai militari a fine giugno durante la degenza della madre poiché insospettita dai risultati delle analisi cui l’anziana era stata sottoposta. Le condotte della badante sono così emerse durante le attività investigative dei carabinieri, coordinate dal Tribunale di Roma, con la Procura della Repubblica che ha emesso un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti della badante.

Skip to content