« Torna indietro

birre

Beve 60 birre e gli effetti della sbornia durano oltre un mese: ricoverato in ospedale

Pubblicato il 19 Gennaio, 2023

Mal di testa atroce, nausea e la sensazione generale di essere stati per ore all’interno di una centrifuga. Sono alcuni degli effetti postumi di una sbornia.

Sgradevoli sensazioni per in tempi non lunghissimi di solito si affievoliscono.

Ma per uno scozzese sono diventate un incubo durato oltre un mese.

Un 37enne è finito in ospedale dopo più di quattro settimane torturato da un mal di testa persistente e una visione offuscata.

I medici hanno eseguito una serie di esami per determinare la causa dei sintomi.

Dopo aver escluso lesioni e infezioni, riscontrando risultati normali anche da una Tac, è stato scoperto che c’era una pressione attiva intorno al cervello del paziente.

Attraverso i ricordi dell’uomo, i medici hanno scoperto che il 37enne aveva bevuto circa 60 birre in pochi giorni, quattro settimane prima della sua visita in ospedale.

Con un alto livello di anticoagulante nel sangue, i medici hanno concluso che aveva una sbornia prolungata causata da una reazione autoimmune innescata dal bere.

Questo caso rappresenta un promemoria dei problemi che il consumo eccessivo di bevande alcoliche può causare.

Non esiste una vera cura per i postumi di una sbornia, e l’unico modo per sbarazzarsene è bere molta acqua.

L’effetto diuretico dell’alcol provoca disidratazione, che è responsabile dei mali dell’hangover. 

Skip to content