« Torna indietro

Bologna: Consiglio comunale ha approvato un ordine del giorno sullo “ius soli”

Bologna. Il Consiglio comunale ha approvato ieri un ordine del giorno sullo “ius soli” presentato a inizio seduta dal consigliere Siid Negash (Matteo Lepore Sindaco) e firmato da tutti i consiglieri e le consigliere dei gruppi di maggioranza: Partito Democratico, Coalizione civica, Matteo Lepore sindaco, Movimento 5 stelle, Anche tu Conti e Verdi. 

Pubblicato il 22 Febbraio, 2022

Bologna. Il Consiglio comunale ha approvato ieri un ordine del giorno sullo “ius soli” presentato a inizio seduta dal consigliere Siid Negash (Matteo Lepore Sindaco) e firmato da tutti i consiglieri e le consigliere dei gruppi di maggioranza: Partito Democratico, Coalizione civica, Matteo Lepore sindaco, Movimento 5 stelle, Anche tu Conti e Verdi. 

Dopo una lunga discussione a oltranza in Consiglio, l’ordine del giorno è stato approvato con 26 voti favorevoli (Sindaco, Partito Democratico, Coalizione civica, Matteo Lepore sindaco, Movimento 5 stelle, Anche tu Conti, Verdi), 3 contrari (Lega Salvini premier) e 8 non votanti (Fratelli d’Italia, Bologna ci piace, Forza Italia). 

L’ordine del giorno impegna il Consiglio comunale a introdurre nello Statuto del Comune di Bologna il riferimento al principio dello “ius soli” e a conferire la Cittadinanza onoraria del Comune di Bologna ai minori nati in Italia da genitori stranieri regolarmente soggiornanti a Bologna o nati all’estero ma che hanno completato almeno un ciclo scolastico o di formazione italiano. 

L’ordine del giorno impegna inoltre il Sindaco e la Giunta a promuovere azioni di sensibilizzazione sul tema della cittadinanza. 

Tra di esse: a istituire una cerimonia speciale in occasione del 20 novembre, Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, quale atto simbolico, nell’auspicio di un’effettiva riforma del diritto di cittadinanza a livello nazionale; a istituire in questa stessa giornata una “Festa della cittadinanza” per promuovere nelle scuole la riflessione sul tema in modo trasversale dedicando ore di didattica; a promuovere, per tutti coloro i quali acquisiscono la cittadinanza italiana a Bologna, una cerimonia pubblica dove il Sindaco, un assessore o un consigliere delegato, nel sottolineare il valore culturale e sociale dell’essere diventati legalmente cittadini italiani, consegni in dono una copia dello Statuto del Comune di Bologna, un Kit di Cittadinanza e un attestato personalizzato a ricordo della giornata. 

Altre azioni saranno rivolte ai minori stranieri residenti a Bologna, per contribuire a un percorso di consapevolezza sociale con l’obiettivo di diffondere tutte le informazioni utili al conseguimento della cittadinanza italiana ai 18 anni per coloro che ne hanno diritto stando alle disposizioni della normativa del 1992, e al contempo informare i soggetti che non sono tutelati dalla normativa vigente su quelli che sono i loro diritti e doveri.
L’invito a Sindaco e Giunta è infine ad attivarsi, in rete con altri Comuni, per sollecitare il Parlamento ad approvare quanto prima una nuova legge sulla Cittadinanza italiana che riconosca pieni diritti ai figli dei migranti nati o cresciuti in Italia e agli stranieri che vivono stabilmente in Italia.

Ordine del giorno su ius soli del consigliere Siid Negash

Visualizza debug dell'ad

L'annuncio non è visualizzato sulla pagina

articolo attuale: Bologna: Consiglio comunale ha approvato un ordine del giorno sullo "ius soli", ID: 253034

Annuncio: Header amp (292123)
Posizionamento: HEADER AMP (header-amp)

Condizioni di Visualizzazione
Accelerated Mobile Pages
Annunciowp_the_query
Array ( [type] => amp [operator] => is ) Array ( [post] => Array ( [id] => 253034 [author] => 70 [post_type] => post ) [wp_the_query] => Array ( [term_id] => [taxonomy] => [is_main_query] => 1 [is_rest_api] => [page] => 1 [numpages] => 1 [is_archive] => [is_search] => [is_home] => [is_404] => [is_attachment] => [is_singular] => 1 [is_front_page] => [is_feed] => ) )
pagine specifiche
Annunciowp_the_query
396post_id: 253034
is_singular: 1




Trova soluzioni nel manuale