Palermo Cronaca

Palermo – Messa in scena per una rapina, arrestati dopo aver rubato 30.000 Euro

C. G., trentaseienne palermitano con precedenti per reati inerenti gli stupefacenti, reati contro la persona e contro il patrimonio; F. G., ventiduenne palermitano, con precedenti per reati contro il patrimonio, ed infine N. P., diciannovenne palermitano quest’ultimo incensurato. Avevano messo in scena una sorta di commedia, un piano da film per rubare 30.000 Euro ad un conoscente.

Palermo – Confiscato patrimonio di 3,5 milioni a fratelli usurai

Protagonisti due fratelli, G.S. e M.S. le iniziali, il cui patrimonio stimato dalla guardia di finanza arriva a 3,5 milioni di Euro. I due si guadagnavano da vivere attraverso il prestito ad usura, generalmente ai danni di commercianti in difficoltà economica, con tassi d’interesse fino anche al 60%. Adesso il loro patrimonio è stato confiscato dagli agenti del Nucleo di polizia economico finanziaria.

Palermo – Tenta di rapinare un anziano, arrestato dalla polizia

Aveva puntato la collanina di un anziano e senza troppa preparazione del “colpo” si era deciso a rubarla. Le cose non sono andate proprio come sperava però, perché la vittima, a discapito dell’età avanzata ha reagito. Entrambi sono caduti per terra durante la contesa, ma l’anziano aggredito è riuscito a mantenere la collanina. Il malvivente, ferito come la vittima, ha a quel punto deciso di allontanarsi a piedi, lasciando sul posto il motociclo con il quale era arrivato.

Palermo – Chiusi due locali per violazione norme anti-covid

A Palermo la polizia municipale ha disposto cinque giorni di chiusura per due locali che nel week-end hanno violato le norme anti-covid-19. I locali, rispettivamente in Via Napoli uno e in Via dei Candelai l’altro, erano aperti al pubblico con la vendita di bevande alcoliche e superalcoliche oltre le 18:00 che venivano per altro consumate sul posto.

Palermo – investito un ciclista, è in gravi condizioni

Altro brutto incidente automobilistico nel capoluogo palermitano, stavolta coinvolti una minicar e una bicicletta. È successo ieri pomeriggio in viale Dianaa Palermo, una minicar si è cappottata colpendo un ciclista. Gravi le condizioni del ciclista attualmente ricoverato all’Ospedale di Villa Sofia, mentre è uscita praticamente illesa la giovane a bordo della vettura.

Palermo – Grave incidente in Viale Regione Siciliana, morte due ragazze.

Sono due le vittime dello spaventoso incidente verificatosi ieri sera (3 Maggio) in Viale Regione Siciliana a Palermo. Nell’impatto aveva perso la vita una ragazza di 21 anni, C.Z.. Stamattina, presso l’ospedale di Villa Sofia, è morta anche il passeggero che si trovava sulla Fiat Panda insieme a lei, una ventenne (A.B.)

Termini Imerese – Tirano pietre e bottiglie contro l’ambulanza

Ieri pomeriggio, Domenica 2 Maggio, un’ambulanza è stata colpita dal lancio di sassi e bottiglie di vetro mentre passava dal sottopassaggio di via Stesicoro a Termini Imerese. L’ambulanza, che in quel momento trasportava un paziente infartuato, si è dovuta subito fermare a causa delle schegge di vetro finite sul volto dell’autista. Il paziente è stato poi soccorso dopo l’arrivo di una seconda ambulanza, proveniente da Caccamo, che ha continuato trasporto in ospedale al posto di quella colpita dai teppisti.

Palermo – Sequestrate due attività per abusivismo commerciale.

Gli agenti del Nucleo Operativo Protezione Ambiente della Polizia Municipale e i Carabinieri della Stazione Partanna Mondello in un intervento congiunto per la tutela dell’ambiente e il contrasto all’abusivismo commerciale, hanno sequestrato un’officina e un autolavaggio, rispettivamente a Partanna e a Mondello.

Campobello di Mazara – Violenza sessuale di gruppo su una diciottenne, arrestati

L’avevano invitata a casa di uno di loro a Tre Fontane, a Campobello di Mazara (Tp) con la scusa di una festa nella quale ci sarebbero stati altri ragazzi e altre ragazze. Una volta arrivata però, la vittima, una studentessa di diciotto anni, ha trovato solo i suoi quattro stupratori, di età compresa tra i venti e i ventiquattro anni.

Palermo – Polizia intercetta carico di hashish dal valore di 200.000 Euro

30 chilogrammi di hashish dal valore di 200.000 Euro sono stati sequestrati dai poliziotti della Squadra Mobile di Palermo. I poliziotti, durante un servizio di controllo nella zona della stazione centrale, hanno notato un uomo sospetto. L’uomo in questione, un ventottenne tunisino proveniente da Messina a bordo di un pullman, dopo avere recuperato il trolley, ha indugiato guardandosi attorno per molto tempo prima di allontanarsi a piedi. Questo ha fatto scattare qualche sospetto negli agenti, i quali hanno raggiunto il ventottenne e hanno iniziato il controllo. Dopo alcuni secondi nei quali i poliziotti sono stati assecondati, l’uomo ha poi iniziato a spintonare gli agenti ed ha cercato un’improbabile fuga in direzione di via Buccola, salvo poi essere raggiunto e bloccato dagli stessi di lì a poco.

Palermo – Aveva rapinato un distributore di carburante ad Agosto, arrestato

Lo scorso 19 Agosto due uomini armati di rivoltella e con i volti coperti da caschi e occhiali da sole hanno rapinato, sottraendo il povero bottino di 200 Euro, un distributore di benzina in via Francesco Paolo Di Blasi. A seguito della tempestiva chiamata delle forze dell’ordine da parte della vittima della rapina, un incensurato dipendente del distributore di carburante, la polizia era poi riuscita a mettersi sulle giuste tracce del rapinatore, fermando un uomo sospetto, un uomo che spingeva a mano un motore dello stesso modello di quello usato dai rapinatori per fuggire dopo la rapina. Gli agenti hanno subito capito che gli esiti di quel controllo sarebbero potuti tornare utili e hanno registrato quanti più dettagli possibili.

Mazara del Vallo – Incendio distrugge archivio comunale

Un incendio di probabile natura dolosa si è propagato la sera del 25 Aprile in un edificio di Via Alpi a Mazara del Vallo. L’edificio fungeva da archivio di documenti cartacei per il comune. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco del distaccamento di Mazara del Vallo, anche il sindaco Salvatore Quinci insieme agli assessori Vincenzo Giacalone e Giacomo Mauro e dei tecnici comunali. L’incendio potrebbe essere in qualche modo collegato ad un furto di carburante avventuro qualche settimana prima in via Rosario Ballatore.

Asse Palermo – Napoli per il contrabbando di sigarette, arrestata la banda

Avevano prodotto in pochi mesi (Novembre 2019-Marzo 2020) un giro d’affari di 2,4 milioni di Euro, ma sfortunatamente per loro quel numero non è destinato ad aumentare. Sono infatti stati scoperti a Palermo quindici componenti di una banda che contrabbandava sigarette tra Palermo e Napoli. Il gruppo vantava almeno 78 viaggi tra andata e ritorno le due città, viaggi che servivano, a quanto risulta dalle indagini, a portare a Palermo le sigarette (tutte di importanti marchi del settore), che poi venivano vendute dagli ambulanti abusivi nei quartieri palermitani dello Zen, Bonagia, Brancaccio, Borgo Nuovo e nelle borgate marinare dell’Arenella, Acquasanta e Vergine Maria.

Palermo – Spacciava cocaina travestito da rider, arrestato.

L’uomo però, già noto alle autorità per i suoi precedenti, è stato riconosciuto da due agenti di polizia, due fratelli fuori servizio in quel momento, che insospettiti dall’abbigliamento da rider di quest’ultimo hanno deciso di seguirlo. Una volta arrivato a destinazione, i poliziotti hanno distintamente notato lo scambio di droga e denaro tra lo spacciatore e il suo cliente. L’uomo è stato a quel punto arrestato e il cliente è stato segnalato quale assuntore presso la Prefettura. Oltre alla cocaina oggetto della compravendita, gli agenti hanno ritrovato nel vano serbatoio del motociclo dello spacciatore anche altre 8 dosi di cocaina già preparate e pronte alla vendita, oltre alla somma di 500 Euro, probabilmente ricavati dalla precedente vendita di cocaina.

AstraZeneca – Procura apre inchiesta sulla morte dell’imprenditore di Partinico

Come già accaduto per il caso di Cinzia Pennino, di cui vi abbiamo parlato quì, la Procura di Palermo ha aperto un’indagine sulla morte di Paolo Mattina, imprenditore edile sessantatreenne di Partinico, morto il 20 Aprile al Policlinico di Palermo a causa di una crisi cardiaca. Appena quattro giorni prima aveva ricevuto la prima dose del vaccino AstraZeneca. L’inchiesta è stata aperta a seguito della denuncia presentata ai carabinieri dai familiari.

Omicidio Roberta Siragusa – La scientifica trova tracce di sangue nell’auto dell’ex fidanzato

Il Reparto investigazioni scientifiche dei carabinieri di Messina ha depositato la relazione delle indagini scientifiche sui reperti trovati nei luoghi del delitto. Secondo la relazione, Roberta sarebbe stata uccisa nella notte tra il 23 e il 24 Gennaio presso il campo sportivo di Caccamo. Nei pressi del campo sportivo sono state ritrovate numerose tracce che proverebbero l’incendio del corpo della ragazza, oltre parti di bottiglie contenenti tracce di benzina, la quale è stata trovata anche su alcuni indumenti della ragazza. Ulteriori tracce ematiche risalenti a Roberta Siragusa sono state rinvenute anche sul lavandino di casa di Pietro Morreale e sul freno a mano della sua automobile.

In tre denunciati dalla Polizia per furto di rame a Brancaccio, recuperato il rame

La sezione “Investigativa” del Commissariato di P.S. “Brancaccio” ha attivato numerosi canali d’indagine a seguito del furto di rame dalle cabine dell’erogazione di energia elettrica, le quali danneggiate dal furto dei ladri negli scorsi giorni, hanno causato gravi danni alla pubblica illuminazione dello Sperone.

Palermo – Gettavano rifiuti speciali per strada, intervengono gli agenti della Polizia Municipale

Gli agenti della Polizia Municipale nucleo tutela decoro e vivibilità urbana mentre indagavano in abiti civili e a bordo di una vettura senza tratti distintivi particolati, hanno fermato e segnalato all’autorità giudiziaria due uomini, L.V.F. di 43 anni e C. M. di 22, entrambi dipendenti di una ditta di impianti telematici. I due dipendenti stavano abbandonando su suolo pubblico 30 pannelli in gesso con annessi faretti ad incasso al neon, ovvero rifiuti classificabili come RAEE (Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) e per la gestione dei quali è richiesta un’autorizzazione o l’iscrizione all’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali, entrambe cose di cui la ditta dei due uomini era sprovvista.

Senza autorizzazioni e infestato dalle blatte, sequestrato panificio abusivo a Palermo

Niente autorizzazione comunale, niente autorizzazione sanitaria, niente partita iva e dipendenti tutti rigorosamente in nero. Il tutto in locali infestati dalle blatte. Questa la situazione che gli agenti del comando provinciale di Palermo della Guardia di Finanza hanno trovato in un panificio abusivo del Borgo Vecchio.

Edizioni

x