« Torna indietro

Ciro e Genny sono ancora vivi, ma devono fuggire…

Pubblicato il 12 Aprile, 2022

Quei, pochi, pochissimi, che non hanno visto l’epilogo di Gomorra, la serie tv cult sulla quale è sceso il sipario dopo 5 stagioni, non se la prendano. Anche perché non rischiamo di spoilerare quel che ormai è noto da quando è andata in onda, lo scorso anno, l’ultima puntata. Quella in cui i due protagonisti principali, Ciro Esposito e Genny Savastano, muoiono. Ma, attenzione, colpo di scena. Ciro e Genny sono ancora vivi. Vivi e pimpanti, tant’è che sono pronti a dare nuovamente del filo da torcere a chi darà loro la caccia…

Insomma, diciamo esattamente le cose come stanno: a essere pronti a una nuova avventura sono gli attorni che hanno reso celebri i due feroci camorristi della fiction.

Salvatore Esposito (Genny) e Marco D’Amore (Ciro) di nuovo insieme per partecipare alla terza stagione di “Celebrity Hunted – Caccia all’uomo”, il programma di Prime Video in cui dovranno darsi alla fuga e cercare di non farsi catturare da un team di cacciatori nove personaggi famosi.

Il cast è completato da Luca Argentero in coppia con la moglie l’attrice Cristina Marino, l’attrice comica e conduttrice televisiva Katia Follesa, Ciro Priello e Fabio Balsamo del gruppo comico The Jakal, il rapper Rkomi e il cantante Irama.

Celebrity Hunted è un real-life thriller che vede un gruppo di celebrità darsi alla fuga in lungo e in largo per l’Italia, nel tentativo di mantenere l’anonimato e preservare la loro libertà per due settimane, con limitate risorse economiche. A dar loro la caccia saranno alcuni tra i più noti analisti e investigatori professionisti, esperti di cyber security, profiler e human tracker provenienti dalle forze dell’ordine e dai servizi segreti militari. I cacciatori potranno utilizzare qualsiasi mezzo legale per rintracciare le celebrità come tracciamenti telefonici, telecamere di videosorveglianza, sistemi di riconoscimento delle targhe e libero accesso alle informazioni utili per la caccia.

Il format Banijay Celebrity Hunted – Caccia all’uomo, è prodotto da Endemol Shine Italy ed è basato su una serie originale creata da Shine Tv, società di produzione britannica.

“Siamo entusiasti di annunciare ai nostri clienti Prime Video in Italia un’altra emozionante stagione di Celebrity Hunted – Caccia all’uomo – afferma Georgia Brown, Head of European Originals di Amazon Studios – Le prime due stagioni sono state un enorme successo, portando innovazione nel genere grazie a un notevole sforzo produttivo e a un cast di grandi talenti”.

“Siamo felici di poter annunciare al pubblico di Prime Video in Italia l’arrivo della terza stagione di Celebrity Hunted – Caccia all’uomo – dichiara Nicole Morganti, Head of Italian Originals di Amazon Studios – Le ultime due edizioni hanno confermato il grande successo di questo format, contraddistinto non solo da una produzione qualitativamente di primo livello ma soprattutto da una narrazione nuova ed innovativa che cambia le regole tradizionali del reality show mescolandola alla narrazione di una serie action. Siamo convinti che anche quest’anno Celebrity Hunted regalerà momenti avvincenti, divertenti e pieni di adrenalina grazie ad un nuovo ed ambizioso cast in grado di appassionare e coinvolgere il nostro pubblico, offrendo un’esperienza di intrattenimento davvero unica”.

“Celebrity Hunted è stato il primo show unscripted italiano di Amazon Prime Video ed essere arrivati alla terza stagione, con un format così rivoluzionario e con un linguaggio del tutto innovativo, è motivo di grande soddisfazione per tutti noi – sottolinea Leonardo Pasquinelli, ceo di Endemol Shine Italy – Grazie al lavoro in totale sinergia con Prime Video, con questo show abbiamo inaugurato una dimensione completamente nuova del genere reality, offrendo al pubblico un prodotto di qualità altissima a ogni livello: un racconto ricco di adrenalina, emozioni, tensione e divertimento, con immagini visivamente straordinarie e un cast eccezionale ad ogni stagione, pronto a mettersi in gioco in questa esperienza incredibile, per loro, per noi che la realizziamo e per il pubblico che la guarderà”.