« Torna indietro

Davide Montino guida dei giovani agricoltori di Coldiretti Venezia


15.10.1 Davide Montino 27 anni, è il nuovo presidente dei giovani agricoltori di Coldiretti Venezia. Il passaggio è avvenuto ieri sera presso la sede dell’associazione in via Torino 180/a durante l’assemblea dei giovani imprenditori che ha visto la partecipazione del presidente di Coldiretti Venezia Andrea Colla e del direttore Giovanni Pasquali. Lascia l’incarico Luca Bertaggia che oberato di impegni aziendali e spesso di viaggi oltreoceano non riusciva più a conciliare il ruolo di responsabile dei giovani.


“Approfittiamo di questo momento per ringraziare Luca dell’impegno fin’ora dedicato al gruppo dei giovani, dando peraltro un esempio vincente di innovazione nell’ambito agricolo” ha affermato il direttore Giovanni Pasquali ricordando che non più tardi del 26 Settembre 2021, l’azienda Smarties Bio condotta da Luca Bertaggia e il socio Andrea Ghedina è stata invitata al Festival Nazionale dell’Economia Civile a Firenze arrivando in finale con sette startup del premio “Prepararsi al futuro” grazie al loro impegno per la salvaguardia della biodiversità del patrimonio orticolo italiano.


Grinta e dedizione sono alla base del dna di questi giovani imprenditori e Davide Montino non ne è certo sprovvisto, sempre in prima linea con le attività di vendita diretta facendo conoscere ai consumatori la freschezza e la bontà dei prodotti coltivati. “Mi piace raccontare cosa faccio in campagna, quotidianamente posto sui social foto di vita nei campi, specificando le attività che la stagione richiede”- afferma Davide Montino- “lo ritengo un modo efficace per far apprezzare di più i miei prodotti che vendo a pochi passi dalla mia campagna situata a Zianigo di Mirano. Ritengo importante far conoscere da vicino il mio lavoro, le difficoltà in cui noi agricoltori ci imbattiamo sempre più a causa di un clima instabile, ma anche della scelta di lavorare immersi in una natura che rispettiamo e un territorio che manteniamo curato”.

Davide infatti, una volta diplomato all’istituto Lorenz di Mirano, ha deciso di investire in agricoltura partendo da zero, coinvolgendo i genitori che erano occupati in altri impieghi. “Il ruolo dei giovani impegnati nella rivoluzione tecnologica nei campi, fautori di forme innovative di solidarietà con la spesa sospesa, di impegno sul recupero della biodiversità, di difesa dei suoli fertili, ma anche con la lotta allo spreco dei cuochi contadini senza dimenticare l’importante lavoro di educazione alimentare, sono la testimonianza di un nuovo modello di sviluppo sostenibile proposto dalla Coldiretti e concretamente portato avanti dai nostri agricoltori, di cui siamo molto fieri”- conclude Andrea Colla presidente di Coldiretti Venezia.

x