« Torna indietro

E’ nata una stella a Trigoria: Afena-Gyan, il 18enne “made in Mourinho”

Pubblicato il 6 Dicembre, 2021

Felix Afena-Gyan, il giovane attaccante ghanese è l’uomo del momento in casa giallorossa

Felix Afena-Gyan è stato scoperto dai talent scout della Roma grazie a un video, nel 2020. Poi la chiamata a Trigoria dove vengono testate le sue abilità, ma Felix ha lo status da extracomunitario e tocca aspettare gennaio 2021 per poterlo tesserare, fino al 2025 a riprova della fiducia che la società giallorossa nutre per il giovane. Il prezzo pagato all’EurAfrica Fc è di 200mila euro.

Classe 2003, molto veloce, forse poco tecnico complice la giovane età ma riesce subito ad emergere per la freddezza dimostrata sotto porta: nell’Under-18 segna tre gol in cinque partite. Poi subito la promozione nella primavera di De Rossi, alla prima partita da titolare contro l’atalanta segna nei primi 10 minuti. Questa stagione 2021/2022 lo vede per la prima volta titolare e segna sei goal in cinque partite. A questo punto arriva la chiamata di Mourinho nel campionato di categoria.

La prima partita tra “i grandi” Felix la vede dalla panchina, quella contro il Napoli e fa il suo esordio contro il Cagliari dove non lascia la firma ma contribuisce a sigillare il 2-1 con ripartenze veloci e imprevedibili. La partita di ieri sera è la conferma: Felix Afena-Gyan può essere il risolutore che cercava mister Mourinho. Ha il goal nelle vene e lo dimostra.

Oltre alle due reti porta a casa anche dei record: è il primo 2003 a segnare in serie A ed è il più giovane giocatore a segnare una marcatura multipla nei cinque migliori campionati d’Europa in questa stagione, è anche il più giovane romanista a segnare una doppietta nell’era dei tre punti. Felix Afena-Gyan vive nel convitto a due passi dal centro sportivo giallorosso. Parla inglese, capisce un po’ l’italiano. Di recente poi, ha rinunciato alla convocazione con il Ghana per sfruttare la sosta e lavorare con Mourinho. Il ragazzo si sarebbe innamorato della maglia giallorossa nella storica rimonta contro il Barcellona del 2018.

«Forse tecnicamente non è un fenomeno, ma è davvero molto bravo a fare gol. E poi mi hanno colpito la sua fisicità e la sua umiltà. Spesso in queste nuove generazioni trovi ragazzi che pensano di sapere tutto. Lui è l’opposto» queste le parole dello Special One che mostra già un legame forte costruito con il giovane.

«Gli avevo promesso delle scarpe che gli piacciono tanto e costano circa 800 euro. Lui è venuto lì per ricordarmelo. Andrò a comprarle e gliele regalo» conclude Mourinho.