« Torna indietro

ecomaratona

L’Ecomaratona dell’Acquedotto Carolino: 250 atleti

Ecomaratona dell’Acquedotto Carolino

Domenica 31 ottobre si è tenuta la prima edizione dell’Ecomaratona dell’Acquedotto Carolino, organizzata e promossa dall’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia – Sezione di Maddaloni, con il coordinamento tecnico dell’Uisp di Caserta.

250 atleti

La manifestazione, al suo esordio nel panorama podistico regionale, ha visto la partecipazione di 250 atleti i quali, per le difficili caratteristiche del tracciato, si sono suddivisi nelle due distanze previste dal regolamento tecnico: la maratona “classica” di 42 chilometri, che ha preso il via dalla sorgente Fizzo di Airola, primo punto di approvvigionamento dell’antico acquedotto e la “mezza” maratona di 21 chilometri, partita dalla località Santa Croce di Sant’Agata dei Goti.

Il traguardo nella Reggia

Seguendo il tracciato dell’antico acquedotto, i maratoneti hanno raggiunto il traguardo nei Giardini della Flora all’interno della prestigiosa Reggia di Caserta, patrimonio dell’Unesco, grazie alla preziosa collaborazione della Direttrice – Architetto Tiziana Maffei – che con grande sensibilità e entusiasmo ha assicurato il proprio supporto all’organizzazione e alla buona riuscita dell’iniziativa, accrescendone il valore simbolico e culturale.

Marco Olmi

I maratoneti iscritti alla 21 chilometri sono stati affiancati dal 73 enne Marco Olmi, originario di Alba, mitica figura del running europeo e campione di corse estreme, che all’età di 58 anni ha vinto il campionato mondiale d’Ultra trail al Monte Bianco, percorrendo 167 tra Francia, Italia e Svizzera in oltre 21 ore di corsa ininterrotta attorno al massiccio montuoso più alto d’Europa.

Le finalità

Oltre allo scopo di carattere storico-naturalistico caratterizzato dalla riscoperta dell’Acquedotto Carolino progettato da Luigi Vanvitelli e ritenuto una delle maggiori opere di interesse architettonico e ingegneristico del XVIII secolo, l’evento ha avuto soprattutto finalità di natura solidale.

Voloterapia

Il ricavato proveniente dalle quote d’iscrizione, infatti, è stato devoluto alla Onlus “La Forza del Silenzio” e servirà a finanziare il progetto di voloterapia, che permetterà ai ragazzi autistici assistiti dalla citata associazione di provare l’ebbrezza di viaggiare in aereo, decollando a bordo di quadriposti dal campo volo di Capua e di ammirare dall’alto le bellezze dell’Acquedotto Carolino.

Lo stand della GDF

Anche il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta ha voluto dare il proprio contributo alla manifestazione attraverso l’allestimento di uno stand nei giardini della Reggia di Caserta, ove alcuni militari delle Fiamme Gialle hanno provveduto a distribuire gadget del Corpo agli oltre quaranta ragazzi autistici presenti per l’occasione.

x