« Torna indietro

Fedez è stato dimesso: ecco le sue prime parole all’uscita dal S. Raffaele

Il rapper è uscito questa mattina dal San Raffaele di Milano dove due settimane fa è stato operato per

Pubblicato il 31 Marzo, 2022

Il rapper è uscito questa mattina dal San Raffaele di Milano dove è stato dimesso dai medici che lo avevano in cura dopo due settimane da quando è stato operato per un tumore endocrino al pancreas. Lo ha annunciato l’Ansa, che ha raccolto le sue prime dichiarazioni: “Sto bene, ha detto il rapper”.

Il cantante era ricoverato dal 22 marzo nel reparto solventi. Accanto a lui al momento delle dimissioni la moglie Chiara Ferragni che pochi giorni fa aveva scritto un post: “NON VEDO L’ORA DI NUOVI RICORDI INSIEME”.

Al cantante sono giunti molti messaggi di auguri, tra i quali uno che l’ha commosso particolarmente: “Noi bambini della pediatria ti siamo molto vicini in questo momento e riconosciamo il bene che tu hai fatto per tutti noi! Con affetto… Disumano!”, così Emma, Luca, Davide, Benjamin, Maria e Paolino, Diego, Manuel, Erick, Lorenzo, Arruzza e molti altri per il loro beniamino alle prese con la battaglia che sta affrontando. Per Fedez. Leggi l’articolo.

Della sua malattia ha parlato anche il chirurgo che lo ha operato:

Parla il chirurgo di Fedez: “Migliori possibilità di guarigione con le opportune terapie”

Fedez aveva dichiarato: “Ho scoperto di avere un raro tumore neuroendocrino del pancreas. Uno di quelli che se non li prendi per tempo non è un simpatico convivente da avere all’interno del proprio corpo“. Lo ha operato il professor Massimo Falconi.

Il primario di Chirurgia del pancreas del San Raffaele, in un’intervista a Repubblica, ha dichiarato: “I tumori neuroendocrini del pancreas sono una minoranza. Hanno una prognosi diversa, generalmente migliore, rispetto all’adenocarcinoma, il tumore al pancreas più famoso che purtroppo ha una pessima prognosi ancora oggi. Ma l’intervento non è la prassi: dipende da paziente a paziente, nonché dallo stadio in cui la neoplasia si trova nel momento in cui viene fatta la diagnosi. Il messaggio da dare è che si tratta di un tipo di tumore che, rispetto all’adenocarcinoma pancreatico, ha fortunatamente maggiori possibilità di cura“. Leggi l’articolo.

Foto d’apertura: dal profilo Instagram

x