« Torna indietro

Ferrara: l’iniziativa “Le frazioni al centro”

Ferrara. Si chiama “Le frazioni al centro” la nuova iniziativa dell’Amministrazione inserita nel ‘pacchetto’ per il rilancio, che si concretizzerà a breve nell’apertura di un bando per l’assegnazione di fondi. La giunta comunale ha infatti deliberato nei giorni scorsi lo stanziamento di 250mila euro a sostegno delle attività di vicinato proprio delle frazioni.

Pubblicato il 13 Febbraio, 2022

Ferrara. Si chiama “Le frazioni al centro” la nuova iniziativa dell’Amministrazione inserita nel ‘pacchetto’ per il rilancio, che si concretizzerà a breve nell’apertura di un bando per l’assegnazione di fondi. La giunta comunale ha infatti deliberato nei giorni scorsi lo stanziamento di 250mila euro a sostegno delle attività di vicinato proprio delle frazioni.

Con queste risorse saranno erogati contributi, una tantum e a fondo perduto, di 750 euro per ogni realtà ammissibile a finanziamento. Lo stanziamento delle risorse sarà gestita dalla Camera di Commercio.
A beneficiarne, secondo i requisiti che saranno indicati a inizio marzo, saranno le cosiddette microimprese, così come definite dal regolamento Ue, ossia quelle che occupano meno di 10 persone e realizzano un fatturato annuo, oppure un totale di bilancio annuo, non superiori a 2 milioni di euro.

L’iniziativa si inserisce nel contesto – spiega il sindaco Alan Fabbri – del nuovo ‘pacchetto’ di risorse messe a disposizione per il sostegno al lavoro, per il supporto alle botteghe, alle attività di vicinato, l’attenzione specifica alle frazioni. Nel complesso, dall’inizio della pandemia, abbiamo investito oltre 2milioni di euro di risorse comunali e quest’anno – oltre a questa iniziativa rivolta al forese – abbiamo previsto, e già anticipato, uno stanziamento di 150mila euro per il sostegno alle attività e il supporto all’iniziativa imprenditoriale nell’area del centro storico.

L’attenzione deve essere continua e puntuale e stiamo dando massima continuità alla strategia di sostegno, con risorse dedicate”. “In questo contesto – anticipa il primo cittadino – abbiamo già in cantiere ulteriori iniziative per il sostegno concreto all’occupazione”. L’individuazione dei beneficiari dei contributi avverrà tramite codici Ateco (i codici attività indicati nella tabella di “Classificazione delle attività economiche”).

La delibera che avvia il percorso di stanziamento delle risorse e di apertura del bando è stata proposta martedì nel corso della seduta di giunta, dall’assessore Matteo Fornasini (“ le imprese – dice – generano lavoro, sostenere le realtà territoriali e i negozi di vicinato vuol dire tutelare l’occupazione e il tessuto sociale”), d’intesa col vicesindaco, delegato alle frazioni, Nicola Lodi: “Questa è un’ulteriore risposta, che si concretizza con un finanziamento specifico, che nasce anche dalle esigenze raccolte e accolte nel corso del nostro tour delle frazioni. È quindi un ulteriore risultato che mettiamo a segno grazie alla politica dell’ascolto. Coerentemente con quanto anticipato in campagna elettorale e con l’indirizzo politico che dal nostro insediamento abbiamo seguito, le frazioni sono e saranno al centro.

Questa nuova iniziativa assegna contributi dedicati, perché le botteghe e i negozi di vicinato sono un patrimonio del territorio, prevengono lo spopolamento, generano lavoro e contribuiscono a rendere più attrattivo l’intero territorio”.